x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Redazione Rete Ambiente

Eurostat, sviluppo sostenibile altalenante nell'Ue

Il 28/6/2019 sono stati presentati i risultati dello studio Eurostat sugli obiettivi di Sviluppo sostenibile ("Oss") che l'Ue si è impegnata a raggiungere entro il 2030.

Secondo i dati Eurostat si è assistito ad un rallentamento che ha allontanato dagli obiettivi Ue di efficienza energetica da raggiungere per il 2020. È invece cresciuta la consapevolezza con cui i cittadini europei utilizzano  nel privato l’energia, che ha portato a una diminuzione delle emissioni di gas serra per unità di energia consumata.

In materia di produzione di rifiuti i dati hanno rilevato un aumento nei Paesi europei, nonostante l’incremento di materiale riciclato e riutilizzato. Un risultato positivo è stato riscontrato, invece, nella diminuzione della quantità di sostanze chimiche pericolose immesse nell’ambiente rispetto agli anni precedenti. Lo studio ha infatti rilevato una diminuzione di concentrazioni di sostanze inquinanti nei fiumi (fosfato e ossigeno biochimico domanda) e nelle acque sotterranee (nitrati).

Per maggiori informazioni:

Sustainable development in the European Union — Monitoring report on progress towards the SDGs in an EU context — 2019 edition

immagine circularity Sustainable development in the EU
— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Rifiuti, non servono nuove sanzioni ma una consape

Autore: Paola Ficco, “Avvocato - Giurista ambientale e Direttore della Rivista RIFIUTI

Atlante mondiale della zuppa di plastica

Autore: Michiel Roscam Abbing

icon circularity