x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Be Circular
Be circular

Articolo

Redazione Rete Ambiente

Emissioni gas serra, nuovo registro Ue da gennaio 2021

L'Ue ha stabilito le regole che disciplineranno il funzionamento del registro in cui vengono contabilizzate le operazioni rientranti nell'ambito del sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra (Eu Ets) a partire dal 2021.

share circularity

La nuova disciplina della banca dati elettronica e del catalogo indipendente delle operazioni, tese a consentire il controllo sul rilascio, il possesso, il trasferimento e la cancellazione delle quote di emissioni, sono contenute nel regolamento delegato della Commissione europea 2019/1122/Ue, come modificato e integrato dal regolamento 2019/1124/Ue pubblicato sulla medesima Guue del 2 luglio 2019.

Le regole in questione, che si applicheranno a decorrere dal 1° gennaio 2021 in occasione dell’apertura del quarto periodo di applicazione della disciplina a tutti i settori economici (2021-2030), sono state definite considerati gli obiettivi di riduzioni annuali vincolanti delle emissioni posti a carico degli Stati membri dal regolamento 2018/842/Ue (al fine di onorare gli impegni assunti a norma dell’accordo di Parigi) e alla luce del profondo restyling della disciplina Eu Ets operato dalla direttiva 2018/410/Ue.

Con l’entrata in applicazione del regolamento 2019/1122/Ue andrà così in soffitta il regolamento 389/2013 di disciplina del registro nel terzo periodo di applicazione dell’Eu Ets (2013-2020). Le regole del provvedimento in questione, come integrate anche dal terzo provvedimento Eu Ets pubblicato sulla Guue del 2 luglio 2019 (regolamento 2019/1123/Ue), continueranno tuttavia ad applicarsi fino al 1° gennaio 2026 a tutte le transazioni necessarie in relazione al periodo di scambio relativo.


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Ecolabel, proroga criteri Ue per televisori e amme

Autore: Redazione Rete Ambiente

Come trasformare il vecchio divano in biocarburant

Autore: Materia Rinnovabile n°5

icon circularity