x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Be Circular
Be circular

Articolo

Redazione Rete Ambiente

End of waste, ok del Senato a clausola di salvezza per autorizzazioni in essere

L'Assemblea di Palazzo Madama ha approvato il testo del Ddl "Delegazione Ue 2018" che fa salve le autorizzazioni "End of waste" in essere alla data di entrata in vigore della futura disciplina.

share circularity

Dopo il via libera del Senato, arrivato durante la seduta del 30 luglio 2019, il testo del disegno di legge n. 944 (Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea) torna all’esame della Camera dei Deputati.

In base a quanto previsto dall’articolo 16, comma 1, lettera e) del provvedimento di delega in itinere, la futura riforma della disciplina nazionale in materia di cessazione della qualifica di rifiuto (End of waste), che dovrà recepire la direttiva 2018/851/Ue sulla “economia circolare”, oltre a fare salve le autorizzazioni in essere dovrà consentirne anche il rinnovo “nelle more dell’adozione dei decreti e nel rispetto dei criteri generali di cui all’articolo 184-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nonché nel rispetto delle condizioni di cui all’articolo 6 della direttiva 2008/98/Ce, come modificato dalla direttiva (Ue) 2018/851“.

Presso il MinAmbiente, sempre in base a quanto previsto dallo stesso emendamento, dovrà essere istituito un registro nazionale deputato alla raccolta delle autorizzazioni “ordinarie” (articoli 208, 209 e 211 del Dlgs 152/2006) e delle Aia (Titolo III-bis della Parte seconda del Dlgs 152/2006) relative agli impianti di gestione rifiuti.

Documenti di riferimento

Ddl recante la “Legge di delegazione europea 2018”


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Gestire i cambiamenti climatici, la prima norma IS

Autore: Redazione Nextville

Conai, dal 1/1/2020 aumenti contributo ambientale

Autore: Redazione Rete Ambiente

icon circularity