x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Redazione Rete Ambiente

Emissioni CO2 navi, sanzioni al via dal 14 agosto 2019

Gli armatori che violano gli obblighi di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 prodotte dal trasporto marittimo rischiano di pagare sanzioni pecuniarie amministrative fino a 150mila euro.

È quanto stabilisce il Dlgs 25 luglio 2019, n. 83, provvedimento recante la “disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento 2015/757/Ue” in materia di monitoraggio,  comunicazione e  verifica delle emissioni di anidride carbonica prodotte dalle navi di stazza superiore a 5mila tonnellate (regolamento entrato in vigore sull’intero territorio europeo il 1° luglio 2015).

In base a quanto dal Dlgs 83/2019, le sanzioni amministrative pecuniarie che saranno applicate all’armatore della nave “o qualsiasi altra persona fisica, giuridica o Ente collettivo che ha assunto la responsabilità dell’esercizio della nave“, potranno andare da un minimo di 20mila euro a un massimo di 150mila euro nel caso di violazione degli obblighi di monitoraggio stabiliti dalla disciplina, mentre nel caso di violazione degli obblighi di comunicazione le sanzioni saranno ricomprese tra 10mila a 50mila euro.

Le attività di vigilanza e di accertamento, ai fini dell’irrogazione — da parte del Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/Ce — delle sanzioni, vengono affidate al Corpo delle capitanerie di porto (Guardia costiera).

Documenti di riferimento

Regolamento Parlamento europeo e Consiglio Ue 2015/757/Ue

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2009/16/Ce

Dlgs 25 luglio 2019, n. 83

Inquinamento marino da navi, le norme internazionali e nazionali di contrasto 


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Ambiente, plurime nuove infrazioni contestate all'

Autore: Redazione Rete Ambiente

Le rinnovabili possono rendere più competitiva l'

Autore: Redazione Nextville

icon circularity