x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Piano nazionale ripresa e resilienza ambizioso su riduzione rifiuti

Nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, in procinto di essere inviato alla Ue, figurano tra gli obiettivi da finanziare coi soldi del Recovery fund anche la netta riduzione di rifiuti plastici e tessili.

May, 2021

Il dispositivo per la ripresa e resilienza (regolamento 2021/241/Ue) ha stanziato le risorse e regolato le condizioni con cui gli Stati membri possono accedere ai fondi europei del Next Generation Eu (anche noto come "Recovery fund"). Gli investimenti e i progetti saranno finanziati a condizione che gli Stati presentino entro il 30 aprile 2021 il loro Piano nazionale di ripresa e resilienza che indichi le azioni che verranno messe in pratica, gli obiettivi, le risorse con cui farvi fronte e il le tempistiche. Le risorse del Piano sono pari a 235,14 miliardi di euro, di cui 191,5 miliardi sono le risorse europee del Next Generation Eu.

Il




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

ESG: quali criteri e come misurarli

Autore: Circularity

Materie prime riciclabili, aumenta export Ue

Autore: Tiziana Giacalone, ReteAmbiente

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati