x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Emissioni in aria, Italia indietro su tutti obiettivi riduzione al 2030

Secondo la prima Relazione della Commissione europea del 26/6/2020 sull'applicazione della direttiva 2016/2284/Ue, l'Italia è indietro sul rispetto degli obiettivi di riduzione degli inquinanti al 2030.

July, 2020

Il ritardo però non è solo italiano, quasi tutti gli Stati Ue, se continua così, non riusciranno a rispettare gli obiettivi di riduzione di determinati inquinanti atmosferici al 2030 come prevede la direttiva 2016/2284/Ue (che abbiamo recepito col Dlgs 81/2018). Secondo la Relazione della Commissione europea — sulla base delle informazioni inviate dagli Stati membri ai sensi della "direttiva Nec (National Emission Celiling)" 2016/2284/Ue — l'Italia è indietro sugli obiettivi 2030 per tutti i parametri (NOx, Cov non metanici, SO2, NH3, PM2,5).

Gran parte della Relazione (la prima rilasciata ai sensi della direttiva del 2016) è dedicata all'analisi dei Programmi nazionali di controllo dell'inquinamento atmosferi[...]




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Green Deal, Ue spinge per energia più sostenibile

Autore: Maria Letizia Signorini, ReteAmbiente

Fondo transizione giusta Ue, arriva la piattaforma

Autore: Francesco Petrucci, ReteAmbiente

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati