x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Articolo

Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Conversione Dl 18/2020 ("Cura Italia") allunga autorizzazioni ambientali in scadenza

Le autorizzazioni ambientali in scadenza prolungano maggiormente la loro validità, come previsto dalla legge 24 aprile 2020, n. 27 di conversione del Dl 18/2020.

La legge 27/2020, in vigore dal 30 aprile 2020 ha modificato l'articolo 103 del Dl 18/2020 prevedendo che tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, compresi i termini di inizio e di ultimazione dei lavori edilizi ex Dpr 380/2001 che scadono tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020, conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza. La disposizione si applica anche alle segnalazioni certificate di inizio attività (Scia), alle segnalazioni certificate di agibilità, nonché alle autorizzazioni paesaggistiche e alle




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Consiglio Ue, discussione su Piani Energia e Clima

Autore: Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Rifiuti, verso nuova responsabilità per i produtt

Autore: Alessandro Geremei, ReteAmbiente

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati