x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Redazione Normativa Reteambiente

Rifiuti marini da acque interne, cosa prevede il cd. "Ddl Salva Mare"

Come ha sottolineato l'Unione europea (vedi il considerando n. 3 della direttiva 2019/904/Ue sulla plastica monouso) i rifiuti marini sono un fenomeno transfrontaliero riconosciuto come problema a livello mondiale di dimensioni sempre più vaste. Ridurre i rifiuti marini è un passo fondamentale per conseguire l'obiettivo 14 di sviluppo sostenibile dell'Onu: conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile.

December, 2019

Le materie plastiche sono le componenti principali dei rifiuti marini, che si stima rappresentino fino all'85% dei rifiuti marini trovati lungo le coste (beach litter), sulla superficie del mare e sul fondo dell'oceano (marine litter). Si stima che vengano prodotte annualmente, a livello mondiale, 300 milioni di tonnellate di materie plastiche, di cui almeno 8 milioni di tonnellate si perdono in mare ogni anno. Risanare l'ecosistema marino e sensibilizzare la collettività per la diffusione di modelli comportamentali virtuosi volti alla prevenzione dell'abbandono dei rifiuti in mare, nei laghi, nei fiumi e nelle lagune e alla corretta gestione dei rifiuti medesimi è lo scopo del Ddl "SalvaMare" approvato dalla Camera il 24 ottobre 2019 e trasmesso al Senato(Atto Senato n. 1751)

1.Finalità e definizioni
Definito lo scopo del disegno di legge "SalvaMare" come quello di prevenire l'abbandono dei rifiuti nel mare, nei laghi, nei fiumi e nelle lagune e di promuovere il risanamento dell'ecosistema marino, il provvedimento richiama le definizioni pertinenti del Dlgs 152/2006, del Dlgs 182/2003 (di recepimento della direttiva 2000/59/Ce relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi ed i residui del carico) e del Dlgs 4/2012 (norme in materia di pesca e acquacoltura) e introduce un'altra serie di definizioni.
Si richiamano in particolare le seguenti:
- "rifiuti accidentalmente pescati": i rifiuti raccolti in mare, nei laghi, nei fiumi e nelle lagune dalle reti durante le operazioni di pesca e quelli raccolti occasionalmente in mare, nei laghi, nei fiumi e nelle lagune con qualunque mezzo;
- "rifiuti volontariamente raccolti": i rifiuti raccolti nel corso delle campagne di pulizia del mare, dei laghi, dei fiumi e delle lagune.

Le disposizioni richiamano e ampliano quelle usate dalla nuova direttiva 2019/883/Ue sugli impianti portuali di raccolta per il conferimento dei rifiuti delle navi (che dovrà essere recepita entro il 28 giugno 2021).

2. La gestione dei rifiuti accidentalmente pescati
In premessa occorre fare una importante precisazione sulla differenza tra rifiuti accidentalmente pescati in mare e rifiuti accidentalmente pescati o volontariamente raccolti nei laghi, nei fiumi, nelle lagune.
- Rifiuti accidentalmente pescati in mare da navi
Equiparazione ai rifiuti prodotti dalle navi (in coerenza con la direttiva 2019/883/Ue) I rifiuti prodotti dalle navi sono i rifiuti, comprese le acque reflue e i residui diversi dai residui del carico, ivi comprese le acque di sentina, prodotti a bordo di una nave e che rientrano nell'ambito di applicazione degli allegati I, IV e V della Marpol 73/78, nonché i rifiuti associati al carico di cui alle linee guida definite a livello comunitario per l'attuazione dell'allegato V della Marpol 73/78 (articolo 2, comma 1, lettera c), Dlgs 182/2003).
- Rifiuti volontariamente raccolti nei laghi, nei fiumi e nelle lagune
Rifiuti urbani (inserimento della lettera f-bis) nell'articolo 184 del Dlgs 152/2006)

Si ricorda che ai sensi della lettera d) del comma 2 del medesimo articolo 184 del Dlgs 152/2006, sono già attualmente inclusi nei rifiuti urbani "i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d'acqua". 2.1 La gestione dei rifiuti accidentalmente pescati in mare Il comandante della nave che approda in un porto ha l'ob[...]




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Manovra fiscale 2020, tutte le norme ambientali in

Autore: Redazione Normativa Reteambiente

Dl 3 settembre 2019, n. 101 Disposizioni urgenti p

Autore: Redazione Normativa Reteambiente

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati