x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Plastica, Agenzia Ue Ambiente: problemi per clima e recupero rifiuti

Secondo il Rapporto sulla plastica rilasciato il 28/1/2021 dall'Agenzia europea per l'ambiente, non è solo l'inquinamento dei mari il problema, ma gli effetti sul clima e i cambiamenti nel consumo per la pandemia.

February, 2021

Secondo il Rapporto “Plastics, the circular economy and Europe′s environment — A priority for action“, se è noto il problema dell’inquinamento dei mari dovuto alla dispersione dei rifiuti di plastica, non vanno trascurati altri effetti prodotti sull’ambiente dalla plastica.
Uno è l’effetto sul clima: se la produzione e l’uso della plastica continueranno ad aumentare, l’industria della plastica rappresenterà il 20% dell’uso globale di petrolio entro il 2050 (+7% rispetto a oggi). Le emissioni annuali legate alla produzione di plastica nell’Unione ammontano a circa 13,4 milioni di tonnellate di CO2 (il 20% delle emissioni dell’industria
chimica).

Un altro problema è dato dai cambiamenti nella produzione, consumo e spreco di plastica provocati dalla pandemia Covid-19. L’aumento dei rifiuti di plastica dovuto alla domanda di maschere e guanti, oltre a un cambiamento nella produzione e nell’uso di prodotti in plastica monouso come contenitori per alimenti da asporto e imballaggi in plastica per le vendite online, può mettere a repentaglio gli sforzi dell’Ue a breve termine per frenare l’inquinamento da plastica e passare a un sistema di plastica più sostenibile e circolare. Infine il tessile. I tessuti a base di plastica costituiscono circa il 60% dell’abbigliamento e il 70% dei tessuti per la casa, con problemi di raccolta e recupero e dispersione nell’ambiente delle microplastiche. Sulla questione specifica del tessile l’Agenzia ha diffuso sempre il 28 gennaio 2021 un Rapporto.
Tre i percorsi per il futuro sono indicati dall’Agenzia per un sistema della plastica più sostenibile e circolare: un uso più intelligente della plastica, una maggiore circolarità e l’uso di materie prime rinnovabili.
documenti di riferimento.

Documenti di riferimento:
Rapporto Agenzia europea dell’ambiente 28 gennaio 2021
Plastica, economia circolare e ambiente in Europa: una priorità per l’azione (Testo inglese)

La riduzione della plastica tra diritto Ue e norme italiane

SPECIALE Economia Circolare
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

Atlante mondiale della zuppa di plastica>
di Michiel Roscam Abbing – Un libro Edizioni Ambiente


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO ©
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Prevenzione e recupero rifiuti, MinAmbiente finanz

Autore: Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR): dal R

Autore: Paola Ficco, “Avvocato - Giurista ambientale e Direttore della Rivista RIFIUTI

icon circularity