x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Be Circular
Be circular

Articolo

Redazione Rete Ambiente

In vigore conversione "Sblocca cantieri", fino a 1 milione appalti più snelli

Appalti in procedura negoziata fino a 1 milione e ritorno della libera scelta del criterio di aggiudicazione delle gare nella legge 14 giugno 2019, n. 55 di conversione del Dl 32/2019 in vigore dal 18/6/2019.

share circularity

La legge 55/2019 ha confermato le numerose modifiche al Dlgs 50/2016 introdotte dal Dl 32/2019 (Sblocca cantieri) e introduce alcune novità. In particolare viene ridisegnato il quadro degli affidamenti degli appalti sotto la soglia comunitaria: se l’affidamento diretto (previa consultazione di alcuni operatori economici) viene esteso alle gare per lavori fino a 150mila euro, spazio alla procedura negoziata per gli appalti fino a 1 milione di euro (in questo caso obbligo di consultare almeno 15 operatori economici).

Novità anche per la scelta del criterio di aggiudicazione della gara: le stazioni appaltanti non saranno più obbligate a motivare la scelta dell’offerta economicamente più vantaggiosain luogo del criterio del minor prezzo. Infine è previsto lo “stop” di due anni (fino al 2020) per l’operatività dei divieti previsti da alcuni articoli del Dlgs 50/2016: tra le misure, fino al 2020 sarà consentito l’affidamento congiunto della progettazione ed esecuzione dei lavori (appalto integrato); sempre fino al 2020 i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria potranno essere affidati sulla base del progetto definitivo, a meno che non prevedano il rinnovo o la sostituzione di parti strutturali delle opere o di impianti.


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Economia circolare, le opposte visioni del mondo s

Autore: Redazione Rete Ambiente, n° 273

Consiglio europeo approva Agenda 2019-2024, salta

Autore: Redazione Rete Ambiente

icon circularity