x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Articolo

Circularity

Packtin: packaging alimentare commestibile

Nome: Packtin
Settore: Agrifood, Plastica
Plus: Packaging biodegradabile e commestibile generato dal recupero di scarti industriali del settore alimentare
Caratteristiche: Estrazione di biopolimeri per la realizzazione di integratori, pellicole, gel, packaging biodegradabili e commestibili

Li abbiamo conosciuti ad Ecomondo 2019, la fiera di riferimento in Europa per l’innovazione industriale e tecnologica dell’economia circolare. Ci hanno colpito per il loro ambizioso obiettivo di voler "creare circolarità" su diversi livelli, reinserendo gli scarti di lavorazione industriale all'interno di processi produttivi. In questa nuova frontiera dell'industria alimentare, Packtin si fa strada nella produzione di un nuovo tipo di imballaggio, decisamente più ecologico rispetto alla plastica, che sfrutta le ultime tecnologie scientifiche sviluppate nel campo della trasformazione dei materiali e degli scarti alimentari.

Packtin, spin-off dell’Università di Modena e Reggio Emilia, nasce come progetto di economia circolare per realizzare soluzioni realmente sostenibili ed innovative.
In particolare, si concentra sui processi industriali della filiera agroalimentare, recuperando per esempio bucce di arancia, mela, pomodoro, polpa di barbabietola, da cui estrae biopolimeri per la realizzazione di integratori, pellicole, gel, oltre che packaging biodegradabili e commestibili.




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Plastica Alfa: le microalghe per un’economia cir

Autore: Circularity

Coronavirus: una guerra che dimentica la gestione

Autore: Paola Ficco, “Avvocato - Giurista ambientale e Direttore della Rivista RIFIUTI

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati