x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Circularity

Ohmie: la lampada fatta di bucce di arancia riciclate

July, 2021

Nome: Ohmie
Settore: Agri-food
Caratteristiche: riciclo delle bucce di arancia in biopolimeri stampati in 3D

Oggi è possibile utilizzare una miriade di sostanze per la stampa 3D: per la maggior parte vengono usate plastiche convenzionali come l’ABS (acrilonitrile butadiene stirene) o il policarbonato. Krill Design, invece, ha optato per la frutta. Bucce d’arance, per essere precisi. 
Specializzata nello sviluppo di materiali organici, ha trasformato le bucce d’arancia siciliane scartate in un biopolimero completamente naturale e compostabile, per poi utilizzarlo per stampare in 3D la sua nuova lampada Ohmie.

Le ricerche erano iniziate anni fa, originate dal lavoro svolto per Autogrill, per cui Krill ha creato il suo materiale originale “WasOrange” dal prodotto di scarto della frutta, quindi lo ha utilizzato per stampare in 3D porta bustine di zucchero e ciotole per i punti vendita Autogrill.

Nel 2021 Krill ha perfezionato la sua formula a sufficienza per realizzare una lampada biodegradabile e compostabile realizzata con la buccia di due o tre arance siciliane aggiunte a una base biopolimerica derivata da amidi vegetali.

Da dove nasce l’idea? La Sicilia produce circa il tre per cento delle arance del mondo, c’è un motivo per cui la buccia degli agrumi è particolarmente utile. “Il legame tra il biopolimero di base ottenuto dalla fermentazione degli amidi vegetali e il materiale aggiunto da colture biologiche è che hanno bisogno di zuccheri per legarsi”, afferma Domizia IIIengo, responsabile marketing di Krill Design. “Le arance sono particolarmente ricche, non proprio di zucchero, ma di carboidrati, che a livello chimico sono sostanzialmente la stessa cosa. E quindi questo ci aiuta a sviluppare un materiale robusto”. La caratteristica peculiare che distingue Ohmie dalle altre lampade, oltre ad essere fatta con la buccia delle arance, è che sembra avere un odore “simile ai biscotti all’arancia, non semplicemente alle arance, perché attraverso il processo il materiale viene in qualche modo tostato”, afferma Illengo. “Quindi ricorda davvero dei biscotti.”

Il problema principale per Krill nella costruzione della lampada rispetto alle semplici ciotole realizzate per Autogrill è stato quello di ottenere il materiale per sostenere la sezione superiore più pesante per consentirle di stare in piedi in modo sicuro. L’azienda ha attraversato sette prototipi per arrivare a questo progetto finale in cui la parte posteriore è il più dritta possibile e consente di inclinare la testa senza inclinarsi o cadere di lato. Questa versione finale di Ohmie richiede circa due ore per la stampa e viene alimentata con un cavo dimmer USB e una lampadina LED già montati, quindi non ci si deve preoccupare di sostituirlo o sbagliare la potenza della lampadina.
Dopo questa vincente impresa, sembra che Krill abbia l’obiettivo di creare un’intera linea di prodotti fatti di agrumi. La fase successiva per l’azienda di design sarà quella di stampare un tavolino da caffè a base di caffè. “Abbiamo già avuto un progetto di prova qui a Milano utilizzando biopolimeri di fondi di caffè, e da qui vogliamo creare oggetti più grandi”, dice Illengo. “Abbiamo alcune idee su un tavolino da caffè, ma non è ancora in fase di prototipazione, è ancora in fase di progettazione.”


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

SDG's al 2030: Alessandra Fornasiero e Camilla Col

Autore: Circularity

Metabolismo urbano: la città come organismo viven

Autore: di Paola Pluchino

icon circularity