x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Circularity

Fili Pari: start up che ricicla le polveri del marmo nei tessuti

September, 2020

Nome: Fili pari
Settore: Tessile
Caratteristiche:  Tessuti dal riciclo delle polveri di marmo


L’industria della pietra ogni anno produce e gestisce importanti quantitativi di materiale di scarto: questo comporta alti costi di smaltimento e la necessità di trovare soluzioni alternative a questa problematica.
Con questo obiettivo nasce Fili Pari, start up innovativa specializzata in tecnologie all’avanguardia per la valorizzazione delle polveri di marmo, con l’obiettivo di progettare nuovi materiali capaci di coniugare stile, innovazione e performance tecniche. start up innovativa che ha ideato un innovativo processo che da nuova vita alle polveri di marmo derivate da sottoprodotti dell’industria della pietra. La pietra, una volta selezionata e preparata, viene utilizzata per creare MARM MORE, un microfilm brevettato contenente vera polvere di marmo.

Oggi il marmo viene utilizzato in diversi settori quali l’agroalimentare, chimico, edilizio, ma non è mai stato utilizzato nel settore tessile se non come pura ispirazione estetica attraverso stampe che ricordano la venatura. Grazie a MARM  MORE è stato possibile attivare una nuova sinergia tra il settore tessile e lapideo attraverso la creazione di una nuova catena produttiva, che consente il dialogo tra due settori che non hanno mai comunicato tra loro prima d’ora.
L’innovazione di Fili Pari sposa la passione e la tradizione di Limonta SPA, storica azienda tessile italiana, fondata nel 1893 a Costa Masnaga, Lecco. Con questo progetto di Open Innovation, Fili Pari e Limonta SpA trasformano i sottoprodotti industriali dei distretti della pietra italiani in una nuova collezione di tessuti per l’abbigliamento. 

La collezione è realizzata interamente in Italia ed esprime la passione per la ricerca e per il saper fare artigianale, combinando la tecnologia MARM MORE a performance tecniche dei tessuti e caratteristiche estetiche grazie alla presenza di marmo al suo interno. Impermeabile, traspirante e antivento, MARM MORE è una spalmatura su tessuto che utilizza le potenzialità della pietra per donare colorazioni naturali, alta resistenza all’abrasione ed una mano morbida e piacevole. I prodotti originali MARM  MORE utilizzano materiali privi di fluoro, eliminando i rischi derivati dall’utilizzo dello stesso.

Il nome Fili Pari rappresenta l’anagramma di Fripi e Ali, le due fondatrici: un riferimento immediato al filo, al mondo tessile, alla visione d’insieme che caratterizza il marchio. Fili Pari è attualmente incubata in Polihub, acceleratore d’impresa del Politecnico di Milano e socio della Start Up. Il progetto nasce con l’obiettivo di valorizzare il territorio e gli elementi naturali che lo compongono, secondo i principi dell’economia circolare.

La filosofia di Fili Pari trasforma questi materiali da scarto in opportunità, e combina ricerca e innovazione per agire sull’intero ciclo di vita del prodotto. L’amore per il territorio si traduce nella volontà di valorizzare le materie prime, utilizzando i prodotti ed i sottoprodotti delle industrie della pietra italiani e promuovendo un utilizzo efficiente della pietra naturale attraverso l’applicazione di nuove soluzioni innovative per il mercato tessile.


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di Circularity Srl – Società Benefit e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Puglia, contributi a Comuni per rimozione rifiuti

Autore: Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Il nuovo sistema di gestione per l'economia circol

Autore: Circularity

icon circularity