x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Articolo

Materia Rinnovabile n. 28

Reverse Resources: con i dati si recuperano i tessuti scartati

Vincitrice del Global Change Award dell’H&M Foundation, Reverse Resources è una piattaforma software, in fase di sviluppo, che permette di mappare e tracciare gli scarti della produzione tessile al fine di mantenerli nella catena produttiva.

Mesi di ricerche nelle fabbriche tessili in Cina e Bangladesh hanno evidenziato alla startup estone una costante realtà: il volume degli avanzi di produzione è sistematicamente sottostimato e sottovalutato. Nonostante le ottimizzazioni dei processi e i metodi di “produzione lean” (ndr, una filosofia produttiva che punta a minimizzare gli sprechi), oltre il 25% delle risorse (con picchi che arrivano fino al 47%) esce dalla catena di approvvigionamento, vale a dire 6 milioni di tonnellate di scarti ogni anno e un potenziale mercato di 15 miliardi di dollari. Di gran parte di queste risorse si perde traccia, finendo incenerite o abbandonate in discarica.

Il software di Reverse Resources, disponibile a partire dall’autunno 2019, mira a una migliore circolazione dei materiali e a integrare nel processo di produzione oltre il 20% degli scarti: attraverso uno schema di tariffazione alternativo, possono diventare un introito aggiuntivo per i produttori e un incentivo a rendere i propri dati disponibili a livello digitale. Una volta mappati, i tessuti possano essere rintracciati nei loro successivi cicli di vita. 

La startup chiama in causa i diversi stakeholder del settore tessile: le fabbriche, da un lato, sono chiamate a fornire soluzioni di rigenerazione e riutilizzo degli scarti tessili recuperati, mentre gli acquirenti, i marchi del commercio al dettaglio, dall’altro, possono incentivare tale innovazione e il recupero dei materiali.

“Credo che lo scambio di dati online, sicuro e in tempo reale, sia la chiave per un cambiamento sistemico nel settore dell’abbigliamento verso la sostenibilità”, sostiene Ann Runnel, amministratore delegato e fondatore di Reverse Resources. 

https://reverse resources.net


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO 

© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di Edizioni Ambiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Un Green New Deal per l'Europa Le idee e le sfide

Autore: Edoardo Zanchini, Mauro Albrizio

Marche, da 23/8/2019 scatta legge "Plastic free"

Autore: Redazione Rete Ambiente

icon circularity