Articolo

Paola Ficco, Avvocato - Giurista ambientale e Direttore della Rivista Rifiuti

L'energia che non c'è e il corto circuito della globalizzazione nei tamburi di guerra in Ucraina

L’energia che non c’è e il corto circuito della globalizzazione nei tamburi di guerra in Ucraina

editoriale di Paola Ficco su Rigiuti

Con lo sfondo sonoro dei tamburi da combattimento e del dolore di questi terribili giorni di guerra riaffiorata in Ucraina, la Germania ha bloccato il via libera al Nord Stream 2, il gasdotto che con 1.200 chilometri di tubi porta il gas dalla costa baltica russa alla Germania nord-orientale. L’impianto è stato immaginato come necessario per l’approvvigionamento energetico tedesco, in vista dell’abbandono del carbone, consumato in grandi quantità dalla Germania.
Il gas russo, da solo, rappresenta il 55% delle importazioni di gas da parte di Berlino e il 32% del totale consumato annualmente dalla Germania. A prescindere da analisi geo politiche, va detto se questo può essere un problema grave per la Germania e l’Europa, tuttavia il principale mercato per gli idrocarburi russi (40%) è l’Europa.
Un gioco al massacro dove tutti perdono tutto. Una voragine di infelicità generata da quel mestiere c[...]




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Autore: Paola Ficco

Agenzia Ue ambiente, rapporto su qualità aria

Autore: Maria Letizia Signorini

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati