x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Be Circular
Be circular

Articolo

Redazione Rete Ambiente

End of Waste e il fondamentalismo amministrativo delle Regioni, finalmente liberate dal rischio di dover scegliere

share circularity

Avere a che fare con i rifiuti significa accorgersi che ogni rifiuto ha la sua personalità. Un cartone è molto diverso da una schiumatura. Il primo è intelligente, la seconda è un po’ losca e non ci pensa troppo a nascondersi, magari confondendosi con una cenere vagabonda. Gli scarti di tessuti vegetali sono miti e i metalli sono contemplativi.
Potrei continuare a lungo. Ma il punto è che tutto è molto personale, come se ogni rifiuto avesse un’anima e la sua gestione rispondesse più al sentire di chi vi entra in contatto, soprattutto a livello di decisione politica e amministrativa, che alla vera natura della materia o della sostanza.
Un’empatia soggettiva che avvolge e distoglie dai problemi reali: insufficienza di impianti, regole complesse, cecità locali, rapporto fideistico con la raccolta differenziata. A tacer d’altro.
Il diritto è regolazione del sociale e si concreta in atti normativi. L’economia studia l’uso delle risorse (scambio, crescita e distribuzione)[...]



— ti potrebbe interessare anche
right circularity

RePack, il packaging dalle tante vite

Autore: Materia Rinnovabile n° 23-24

Conai: obbligo di adesione escluso solo in tre cas

Autore: Rivista Rifiuti n. 272

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati