x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Be Circular
Be circular

Articolo

Rivista Rifiuti n.276

Notizia a cura della Rivista rifiuti n.276 di Reteambiente.it

November, 2019

share circularity

Rifiuti e bonifiche, il romanzo della devastazione che racconta la fine dei grandi sogni e partecipa alla nascita dell’allucinazione globale. Strategie, programmi quadro, leggi e ancora leggi: una mercificazione del possibile un tempo profetica e visionaria e che oggi si è compiuta pienamente anche con la desertificazione industriale e produttiva dei territori.

Dove c’era un sito produttivo, sempre più spesso, ci sono i rifiuti abbandonati da aziende fallite o delocalizzate. I mancati interventi nel breve periodo rischiano di trasformare queste aree in siti contaminati. Cosa serve? Poche e semplici norme, Amministrazioni pubbliche competenti e intellettualmente solide, tante risorse economiche.

Sul primo fronte, nonostante le leggi siano il fondamento di qualsiasi società (ne cives ad arma ruant) la prospettiva che si presenta è caotica ed è evidente che il settore delle bonifiche implode (come tutti i sistemi ambientali) vittima di quelle regole che vorrebbero il contrario. Le regole di uno Stato che si pretende democratico, dovrebbero essere semplici per essere fruibili da parte di tutti. Invece, in questa alluvione normativa, la [...]



— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Che cosa è la bioeconomia

Autore: Mario Bonaccorso, Irene Baños Ruiz

Ecoprogettazione, pubblicati i primi quattro regol

Autore: Redazione Nextville

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati