Articolo

L’etichetta ambientale digitale (EAD) di Junker App

Junker APP ha sviluppato un'innovativa etichetta ambientale digitale (EAD) che permette alle aziende di adeguarsi alle nuove normative in materia

Il DL 116 del Settembre 2020 ha indicato come tutti gli imballaggi devono essere adeguatamente etichettate per dare una corretta informazione circa la loro destinazione finale al consumatore e per facilitarne la raccolta, il riutilizzo, il recupero e il riciclaggio.  

L’adeguamento è risultato particolarmente difficoltoso per i prodotti cosmetici, caratterizzati da imballaggi piccoli e con un ridotto spazio disponibile. Un problema risolto grazie all’etichetta ambientale digitale (EAD), che tramite una semplice scansione del codice a barre fornisce le indicazioni di smaltimento valide in tutta Italia e consente di evitare di incorrere in pesanti sanzioni. 

L’innovativa soluzione è stata sviluppata da Junker, che tramite un’app unica per la raccolta differenziata fornisce ai cittadini tutte le informazioni per smaltire correttamente i rifiuti domestici. Adesso la tecnologia è disponibile anche per le aziende, che possono inserire le informazioni ambientali richieste nel tradizionale codice a barre già presente sulle etichette, geolocalizzando tutte le informazioni per lo smaltimento dell’imballaggio.  

Cosmetica e lifestyle hanno scelto la soluzione digitale di Junker App 

Bolsius è una grande azienda produttrice di candele profumate, mentre Harbor, tramite il suo brand Phytorelax, produce e distribuisce cosmetici naturali. Le due storiche imprese hanno scelto di adottare la soluzione dell’etichetta ambientale digitale di Junker App, aumentando il proprio impegno a difesa dell’ambiente e, nello stesso tempo, adempiendo all’obbligo imposto dal nuovo decreto.  

I vantaggi che si ottengono con l’adozione dell’EAD sono i seguenti:  

  • Un codice a barre o QR code univoco per tutti gli elementi dell’imballaggio del prodotto  
  • Eliminazione della necessità di aggiornare l’etichetta fisica 
  • Informazioni geolocalizzate per il comune del consumatore 
  • Possibilità di aggiungere informazioni di sostenibilità del marchio o del prodotto 
  • Adeguamento al nuovo decreto-legge  

Sono già oltre 1.6 milioni i prodotti inclusi nel database. Le info per lo smaltimento del packaging sono validate dai principali consorzi di filiera (Comieco, Corepla, Conai, Ricrea, Cial) e da oltre mille comuni e vengono continuamente aggiornate.  

Attualmentel’app è stata scaricata da 2 milioni di utenti che hanno effettuato più di 50 milioni di ricerche.  


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

La direttiva SUP sulla plastica monouso

Autore: Circularity

Cyclon di On, la scarpa da corsa in abbonamento

Autore: Circularity

icon circularity