x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Articolo

Redazione Normativa ReteAmbiente

Pandemia Coronavirus, le disposizioni nazionali di interesse ambientale

Nel frastagliato insieme di provvedimenti adottati per affrontare l'emergenza "Coronavirus" diverse sono le disposizioni di immediato interesse dal punto di vista ambientale e della sicurezza sul lavoro.

A livello sistematico appare opportuno citate in primis il più recente Dl 19/2020 che ha sancito la supremazia gerarchica delle disposizioni restrittive dettate dallo Stato rispetto a quelle delle locali.
Sullo stesso livello normativo appare rilevante il decreto-legge 18/2020, in vigore dal 17 marzo 2020, ha — tra le altre — dettato la proroga dei termini per presentazione Mud, versamento diritti d'iscrizione all'Albo gestori ambientali, comunicazioni Raee e Pile, determinazione delle tariffe della Tari, nonché previsto regole in materia di dispositivi di protezione individuale nell'ambito delle attività lavorative.

Con decreto del 10 marzo 2020 il MinTrasporti ha prorogato  le carte di qualificazione del conducente e i certificati di formazione professionale Adr per il trasporto di merci pericolose.
Ulteriori provvedimenti di sospensione/slittamento termini per adempimenti e procedimenti amministrativi sono stati adottati dai relativi Enti (anche territoriali) di competenza.

Con plurimi Dpcm del marzo 2020 il Governo ha dettato un regime di sospensione per la maggiora parte delle attività produttive e commerciali, escludendo le attività di raccolta dei rifiuti e di trattamento delle acque, ed ha previsto norme in materia di agevolazione dell'utilizzo della modalità di lavoro "smart working" anche dal punto di vista degli adempimenti in materia antinfortunistica.
Con riferimento alle stesse tematiche, infine, si segnalano le indicazioni diramate negli stessi giorni dal Sistema nazionale di protezione dell'ambiente (Snpa) e dall'Istituto superiore di sanità (Iss).

PANDEMIA CORONAVIRUS: LE DISPOSIZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE

Albo gestori ambientali

Articolo 113, comma 1, lettera d), Dl 17 marzo 2020, n. 18
La disposizione stabilisce la proroga - dal 30 aprile 2020 al 30 giugno 2020 - del termine per la versamento del diritto annuale di iscrizione all'Albo nazionale gestori ambientali, di cui all'articolo 24, comma 4, Dm 120/2014.

Circolare 23 marzo 2020, n. 4
Proroga certificazioni e autorizzazioni
in essere ai sensi dell'articolo 103, Dl 18/2020 (Decreto "Cura Italia") - Effetti sui procedimenti di iscrizione all'Albo gestori ambientali.

Attività produttive e strategiche, competenza, misure urgenti

Articolo 3, Dl 25 marzo 2020, n. 19

Stabilisce che nelle more dell'adozione di decreti del Presidente del Consiglio dei ministri e con efficacia limitata fino a tale momento, le Regioni, in relazione a specifiche situazioni sopravvenute di aggravamento del rischio sanitario verificatesi nel loro territorio o in una parte di esso, possono introdu[...]




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Covid-19: la gestione dei rifiuti rappresentati da

Autore: di Loredana Musmeci (Chimico - Esperto Ambientale)

SPECIALE Economia Circolare: introduzione ed ultim

Autore: A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati