x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Articolo

Redazione Nextville

Russia, al via la sperimentazione di treni a idrogeno

L'isola di Sakhalin, nell'estremo oriente russo, ospiterà un progetto pilota per testare la fattibilità di collegamenti ferroviari con treni dotati di celle combustibili ad idrogeno.

L’accordo, avvenuto agli inizi di settembre a Vladivostok in occasione del quinto Eastern Economic Forum, vedrà la cooperazione tra l’azienda statale per l’energia atomica Rosatom (che fornirà l’idrogeno) e il più grande produttore russo di materiale rotabile Transmashholding (che produrrà i treni).

Teatro della sperimentazione sarà la grande isola di Sakhalin, che con i suoi 800 km di ferrovia rappresenta un microcosmo ideale per testare le prestazioni dei nuovi treni. Il progetto dovrebbe essere implementato in più fasi, a iniziare da uno studio di fattibilità e adottando poi via via le decisioni durante l’intero ciclo di vita del progetto. Verranno naturalmente condotti test completi sulle prestazioni dei treni, seguiti da un processo di conformità ai requisiti di sicurezza.

La transizione verso un sistema ferroviario a idrogeno comporterà la creazione di una serie di infrastrutture, non solo per la produzione dell’idrogeno stesso e delle celle a combustibile, ma anche per il trasporto, lo stoccaggio e il rifornimento. Le ferrovie russe considerano questo progetto un passo importante per affrontare la questione ambientale derivante dall’assenza quasi totale di linee elettrificate sul territorio nazionale, con il conseguente ricorso obbligato a inquinanti (e costosi) convogli con motore diesel.


Riferimenti:

Russia Develops Technologies for the Use of Hydrogen in Railway Transport l’articolo su fuelcellsworks.com


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO 

© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di Edizioni Ambiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Atlante mondiale della zuppa di plastica

Autore: Michiel Roscam Abbing

Recupero lana di scarto come fertilizzante, propos

Autore: Redazione Normativa Reteambiente

icon circularity