x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

Articolo

Circularity

Le Start Up finaliste della Circular Bioeconomy

I progetti selezionati da “BioInItaly Investment Forum & Intesa Sanpaolo StartUp Initiative”, il percorso organizzato da Assobiotec, Intesa Sanpaolo Innovation Center e da Cluster Spring che da 13 anni permette alle Startup innovative biotecnologiche di incontrare investitori finanziari e corporate

June, 2020

Si è svolta quest’anno la XIII edizione del BioInItaly Investment Forum & Intesa Sanpaolo StartUp Initiative organizzato da Assobiotec, Intesa Sanpaolo Innovation Center e da Cluster Spring, con l’obiettivo di selezionare progetti innovativi nei settori dell’economia circolare e scienze della vita. L’esperienza iniziata a gennaio è proseguita nei mesi successivi per 20 realtà selezionate per prendere parte al percorso formativo curato da Bill Barber, Coach e Responsabile Valutazione e Accelerazione Startup di Intesa Sanpaolo Innovation Center.

9 Start Up finaliste hanno avuto accesso all’Investment Forum, ricevendo l’interesse di oltre 200 investitori a livello internazionale. Si tratta di 5 nuove imprese operative nella Circular Bioeconomy e 4 attive nelle Scienze della Vita che hanno avuto l’opportunità di presentare la propria idea e il proprio proprio progetto di fronte a una platea di selezionatori fra investitori finanziari, esperti di settore e manager di impresa.
L’iniziativa BioInItaly “dal 2008 ad oggi ha permesso di raccogliere oltre 60 milioni di euro di investimenti in 25 Startup innovative nazionali. Il progetto ha, inoltre, selezionato e formato in questi anni più di 150 Startup finaliste, portandole all’incontro con più di 1.900 aziende, investitori e attori dell’ecosistema e ponendo quindi le basi per la loro crescita”

Il 2020 ha visto la presenza di diversi progetti circolari, tra cui prodotti cosmetici realizzati recuperando le acque provenienti dalla produzione dell’olio d’oliva, birre ottenute da pane invenduto, bioplastiche idrosolubili provenienti dagli scarti di lavorazione del pesce, e ancora bioplastiche in acido polilattico (PLA) prodotto al 100% da fonti rinnovabili e 100% compostabile.

L’edizione 2020 è organizzata anche in partnership con Ellen MacArthur Foundation, Novamont, Stifel, LCA, Goodwin, LE2C, Novartis Oncology, Bird & Bird, Z-Cube e ICE/ITA – Italian Trade Agency.

Come spiega Riccardo Palmisano Presidente Assobiotec Federchimica, oggi più che mai le biotecnologie stanno dimostrando il loro straordinario valore: sono la chiave imprescindibile per offrire una risposta concreta all’emergenza Coronavirus, ma anche una importante risorsa per una ripartenza sostenibile. E nel contesto specifico del BioInItaly Investment forum ci dimostrano ancora una volta quante e quanto differenziate possono essere le possibili applicazioni di questa tecnologia. – Una tecnologia che per esprimere appieno tutte le sue potenzialità ha bisogno di potersi trasformare da idea a prodotto. Le idee e i progetti che nascono dalle tante Startup biotech nazionali sono spesso molto interessanti, ma troppo di frequente rimangono studi e ricerche in ambito accademico, incapaci di trasformarsi in brevetti, prodotti o processi. Le cause sono diverse: certamente un fattore culturale, ma anche una scarsa capacità sia nell’area del trasferimento tecnologico che in quella immediatamente conseguente dell’attrazione degli investimenti nel nostro Paese”.


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di Circularity Srl – Società Benefit e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

PrimaLoft, la responsabilità dei materiali

Autore: Emanuele Bompan, direttore di Materia Rinnovabile

Il supporto della BEI alla transizione circolare

Autore: Circularity

icon circularity