x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Be circular

Articolo

Redazione Rete Ambiente

"Vivere a spreco zero", al via candidature per prevenzione rifiuti

Dal 3 settembre torna "Vivere a spreco zero", il Premio per le buone pratiche di prevenzione degli sprechi rivolto a enti pubblici, imprese, scuole, associazioni e cittadini.

share circularity

C’è tempo fino al prossimo 10 ottobre per candidare le “buone pratiche” sul sito sprecozero.it. Il premio, arrivato alla sua settima edizione, è promosso dal Ministero dell’ambiente, dalla campagna “Spreco zero” di “Last minute market” nell’ambito del progetto “60 Sei zero”, e riconosce le iniziative virtuose in materia di contrasto agli sprechi alimentari, riduzione degli sprechi di acqua ed energia, acquisti verdi nella pubblica amministrazione, mobilità sostenibile, prevenzione dei rifiuti, riduzione del consumo di suolo. Come attestano i “Diari di famiglia” del progetto “Reduce” del ministero/università di Bologna Distal, lo spreco di cibo pro capite settimanale in Italia si attesta sui 700 grammi, per un valore di oltre 3 euro settimanali e di 196 euro annuali.

In questa settima edizione del premio, come spiegato da Luca Falasconi curatore del progetto, sono state introdotte tre nuove categorie: “No plastic food & drink”, rivolta a chi ha eliminato la plastica; “Produzione ortofrutticola”, riservata a chi si sia dotato di soluzioni innovative per ridurre lo spreco alimentare; “InnovAction”, destinata a chi ha attuato un progetto caratterizzato da innovazione digitale o tecnologica sempre finalizzato alla riduzione dello spreco alimentare.

Per maggiori informazioni:

Premio “Vivere a spreco zero”


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Marche, da 23/8/2019 scatta legge "Plastic free"

Autore: Redazione Rete Ambiente

Rifiuti, nuova proroga al 31 dicembre 2019 dell'Ac

Autore: Redazione Rete Ambiente

icon circularity