x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

Be Circular
Be circular

Articolo

Redazione Nextville

Biometano da agro-industria, inaugurato il primo impianto italiano

Il 6 giugno 2019, la cooperativa vitivinicola Caviro di Faenza (RA) ha immesso in rete il primo meto cubo di gas rinnovabile di origine agro-industriale.

share circularity

Si tratta di un momento storico per l’agricoltura italiana.

Ottenuto tramite upgrading con tecnologia a membrane, il biometano è ricavato dal biogas generato con la digestione anaerobica dei sotto-prodotti del ciclo produttivo della cooperativa e da reflui di allevamenti della zona. Essendo ricavato esclusivamente a da scarti e sottoprodotti, il biometano prodotto non sottrae in alcun modo superficie coltivabile alle produzioni alimentari ed è quindi classificato come “biometano avanzato“.

“Caviro – ha commentato Piero Gattoni, presidente CIB (Consorzio Italiano Biogas) – è un esempio virtuoso di coesistenza tra agricoltura e produzione di gas rinnovabile che mi auguro potrà essere presto seguito da altri. Gli investimenti delle aziende italiane del settore in attività di ricerca e sviluppo e il supporto attivo del CIB, che da sempre favorisce le sinergie e il trasferimento tecnologico tra il mondo dell’industria e quello dell’agricoltura, stanno dando i risultati auspicati. Il biometano è un biocarburante avanzato che può giocare un ruolo primario nella transizione energetica e non solo. L’esempio di Caviro dimostra come la cooperazione e il modello di azienda circolare possano essere un prototipo vincente per rafforzare la competitività del settore agroindustriale e per contribuire alla decarbonizzazione del settore energetico favorendo, al contempo, la tutela ambientale”.


— ti potrebbe interessare anche
right circularity

End of waste, in vigore la Legge che "sblocca" (in

Autore: Redazione Rete Ambiente

Bioeconomia: il binomio virtuoso tra cluster nazio

Autore: Materia Rinnovabile n°5

icon circularity