Articolo

Circularity

SDG2: sconfiggere la fame nel mondo

Anche escludendo gli effetti della COVID-19, circa 230 milioni di bambini soffrono di malnutrizione. Azioni urgenti a breve termine sono necessarie per evitare l'aumento della fame, e una trasformazione dei sistemi alimentari è necessaria per raggiungere un futuro alimentare sano e sostenibile per tutti.  

Appena prima della pandemia di COVID-19, 650 milioni di persone soffrivano la fame nel mondo e circa 2 miliardi di persone soffrivano di insicurezza alimentare – cifre in aumento dal 2014. La crisi ha posto ulteriori minacce alla sicurezza alimentare e alla nutrizione globale: catene di approvvigionamento alimentare interrotte e rallentamenti economici hanno colpito i sistemi alimentari in tutto il mondo e hanno minacciato l'accesso delle persone al cibo, rendendo l'obiettivo di porre fine alla fame ancora più lontano. Si prevede che il COVID-19 esacerbi tutte le forme di malnutrizione, in particolare nei bambini, a causa della perdita di reddito delle famiglie, della mancanza di cibo nutriente ed economicamente accessibile, una ridotta attività fisica e interruzioni dei servizi nutrizionali essenziali.

Ascolta il PODCAST di Circularity sul secondo obiettivo di sviluppo sostenibile

Target

2.1 Entro il 2030, eliminare la fame e assicurare a tutte le persone, in particolare i poveri e le persone in situazioni vulnerabili, tra cui i bambini, l'accesso a un’alimentazione sicura, nutriente e sufficiente per tutto l'anno

2.2 Entro il 2030, eliminare tutte le forme di malnutrizione, incluso il raggiungimento, entro il 2025, degli obiettivi concordati a livello internazionale sull’arresto della crescita e il deperimento dei bambini sotto i 5 anni di età, e soddisfare le esigenze nutrizionali di ragazze adolescenti, in gravidanza, in allattamento e delle persone anziane

2.3 Entro il 2030, raddoppiare la produttività agricola e il reddito dei produttori di alimenti su piccola scala, in particolare le donne, le popolazioni indigene, le famiglie di agricoltori, pastori e pescatori, anche attraverso l’accesso sicuro e giusto alla terra, ad altre risorse e stimoli produttivi, alla conoscenza, ai servizi finanziari, ai mercati e alle opportunità che creino valore aggiunto e occupazione non agricola

2.4 Entro il 2030, garantire sistemi di produzione alimentare sostenibili e applicare pratiche agricole resilienti che au[...]




— ti potrebbe interessare anche
right circularity

Tessuti sostenibili dalle ginestre calabresi

Autore:

Plastica bio, la guerra tra Roma e Bruxelles passa

Autore: Paola Ficco, Avvocato - Giurista ambientale e Direttore della Rivista Rifiuti

icon circularity

Per leggere gli articoli completi è necessario essere registrati

Registrati