News

Fondi sostenibili: investire nel green è il modo migliore per risparmiare 

Data 05/10/2022
Tipo News
investire nel verde

I fondi verdi o sostenibili sono organismi di investimento collettivo che scelgono le attività del loro portafoglio in base a criteri ambientali, sociali e di governance aziendale (ESG). L’elevata redditività e l’alta reputazione sociale stanno portando questi investimenti a diventare predominanti sul mercato. Sempre più persone scelgono infatti di investire nel green.

I mercati e le istituzioni finanziarie hanno un’elevata capacità di influenzare dove, quando, quanto investire e a quale prezzo, anche se il loro ruolo è quello di intermediari. La finanza sostenibile ha la capacità di canalizzare i risparmi influenzando il tipo di sviluppo ricercato. Nel caso dello sviluppo sostenibile, tiene conto degli aspetti ambientali, sociali ed economici nella gestione dei portafogli. 

È una finanza che utilizza gli strumenti del mondo finanziario con un obiettivo chiaro. Vuole contribuire alla crescita economica insieme a uno sviluppo più umano, in cui si stabilisca un equilibrio tra aspetti economici, ambientali e sociali. 

L’investimento sostenibile e responsabile (ISR) è una filosofia d’investimento fortemente incentrata sul lungo termine. Integra gli aspetti ambientali, sociali e di governance (ESG) nel processo di ricerca, analisi e selezione dei titoli di un portafoglio d’investimento. 

Investire nel green vuol dire investire responsabilmente

Il portafoglio di un fondo ISR può essere costruito utilizzando criteri di esclusione per la selezione degli asset (ad esempio, le aziende di armi o di idrocarburi), criteri di inclusione per le aziende o i governi con politiche proattive in materia di responsabilità sociale, o anche scegliendo temi specifici legati ai criteri ESG (ad esempio, il cambiamento climatico o l’acqua). Si tratta quindi di un tipo di investimento più responsabile. 

Diversi istituti di credito europei stanno svolgendo un ruolo importante nello sviluppo del mercato delle obbligazioni sostenibili a livello nazionale ed europeo. Nel 2020 l’Europa ha lanciato un’emissione pubblica di obbligazioni sociali volte a mitigare gli effetti economici della COVID-19. I fondi raccolti sono utilizzati per finanziare le operazioni dei lavoratori autonomi, delle PMI e delle aziende per mitigare l’impatto economico e sociale della pandemia.

Finanziamento delle imprese responsabili 

Investendo in un fondo sostenibile, finanziate indirettamente aziende socialmente responsabili in cambio di un rendimento, premiando le loro prestazioni e contribuendo alla loro crescita. 

L’industria dei fondi di investimento si sta adattando a un nuovo contesto economico. Di fronte a uno scenario caratterizzato dalla ricerca di fonti di redditività in un contesto di bassi tassi di interesse, da un nuovo modo di intendere il business in seguito all’irruzione di nuove tecnologie e da una maggiore consapevolezza sociale, l’industria del risparmio gestito è ricca di sfide e opportunità. I fondi d’investimento sostenibili stanno cogliendo queste opportunità e affrontando le sfide del nostro mondo. 

Il Fondo sovrano norvegese 

Uno dei pionieri di questo tipo di investimenti è il Fondo sovrano norvegese. È un fondo pensionistico pubblico del governo norvegese, istituito negli anni Novanta. Questo fondo è indipendente dal governo stesso e investe i profitti, cioè il surplus che il Paese scandinavo guadagna dall’estrazione e dalla vendita del petrolio. 

I fondi pensione sostenibili hanno risposto a un’esigenza sempre più diffusa: la ricerca del profitto economico dagli investimenti finanziari doveva essere integrata da un obiettivo sociale. La progettazione di nuovi prodotti di risparmio si basa quindi sull’incorporazione di un profilo di sostenibilità. 

Per soddisfare le aspettative dei clienti, le società che offrono questi piani utilizzano criteri di investimento socialmente responsabili molto rigorosi per trovare un equilibrio tra redditività e impatto sociale. 

Un esempio di questo tipo di azione sono i green bond o l’investimento del reddito in aziende sostenibili che operano nel settore delle energie rinnovabili, dell’alimentazione ecologica, del riciclo dei rifiuti, della tecnologia sostenibile, dei trasporti non inquinanti, ecc. 

Redditività a lungo termine 

Quando si tratta di valutare portafogli e attività, ci sono molte più informazioni rispetto agli investimenti tradizionali. Con l’investimento extra-finanziario si valutano i cosiddetti intangibili: il modo di procedere dell’azienda, gli strumenti di gestione che evitano l’impatto socio-ambientale, il controllo dei rischi legati alla buona governance, la conformità normativa, l’etica degli amministratori, ecc. Questo tipo di investimento va a vantaggio delle aziende in cui si investe nel tempo, che quindi cercano la redditività e la sostenibilità a lungo termine: ecco perché alcuni investitori comuni sono fondi pensione o fondi di riserva in alcuni Paesi.

Investire nel green con i fondi: il modo migliore per iniziare ad aiutare il pianeta moltiplicando i propri risparmi.

Attraverso gli investimenti verdi, le aziende ottengono le risorse per realizzare progetti che consentono uno sviluppo sostenibile. Investire nei fondi d’investimento è uno dei migliori modi di investire perché:

  • Non è necessario avere conoscenze finanziarie, poiché i gestori dei fondi si occupano di selezionare le società per voi e di decidere quando acquistare e quando vendere;
  • Dal punto di vista fiscale è più interessante, in quanto si può differire il pagamento delle imposte;
  • Facile monitoraggio dell’investimento;
  • Controllo da parte dei regolatori che possono evitare alcune decisioni rischiose;
  • Non è necessario disporre di grandi capitali per iniziare ad investire;
  • Diversificazione: con pochi fondi potete essere diversificati in mezzo mondo e in una moltitudine di settori;
  • Adattabile a qualsiasi profilo di investitore: potete scegliere tra azioni, obbligazioni o entrambi;
  • Commissioni: Permettono di accedere a prodotti in cui, nonostante l’investimento con un capitale ridotto, le commissioni non sono elevate.

Come si prospetta il futuro di questi fondi? 

Il futuro dell’ISR è ampio e prospero. Ci sono progressi normativi nell’UE, negli Stati Uniti e germogli verdi in altri mercati come la Cina. Ciò favorirà lo sviluppo di questi investimenti. Un esempio è la politica di finanza sostenibile dell’UE. Sempre più investitori cercano questa stabilità a lungo termine. Fa parte di una strategia di differenziazione e ci sono già compagnie di assicurazione, banche e gestori patrimoniali che incorporano questa gestione nella loro missione e visione per attrarre nuovi capitali verso investimenti più responsabili, nonché per facilitare il finanziamento di quelle aziende che hanno una vocazione alla sostenibilità ambientale e sociale“. 

Ti potrebbero interessare
Cop27 di Sharm el-Sheikh (Egitto)
COP27: consenso sul fondo Loss&damage, male sugli impegni di decarbonizzazione

Un momento storico per la giustizia climatica e un’occasione persa per ridurre le emissioni e implementare piani di adattamento. Si…

Leggi adesso arrow_right
Emissioni di anidride carbonica
Clima: secondo la scienza non siamo sulla strada giusta per la mitigazione

Secondo l'UNEP non è in atto nessun percorso credibile per fermare l’aumento di temperatura del pianeta a +1,5 °C .

Leggi adesso arrow_right
Serbatoi di ammoniaca
Ammoniaca verde: combustibile e accumulatore di energia del futuro

L’ammoniaca è un composto chimico usato per la sintesi dei fertilizzanti moderni. Oltre a esser determinante per lo stoccaggio e…

Leggi adesso arrow_right