News

Caso studio – Febbraio 2020

di Materia Rinnovabile n.29-30

Data 31/01/2020
Tipo Caso studio

Nome: Nairoby
Settore: Attrezzature sportive
Plus: Snowboard realizzati con un composito termoplastico che a fine vita è possibile riciclare e/o in parte riutilizzare in nuove attrezzature
Caratteristiche: Tavole da snowboard e sci personalizzabili per forma, dimensione e design e consegnati direttamente al cliente

 class=

Composte da differenti strati di materiali quali legno e plastiche, le tavole da snowboard e gli sci sono attrezzature costose, che si deteriorano rapidamente e impossibili da riciclare perché ricoperte da sostanze chimiche e solventi e unite tra loro da resine. 

Nairoby ha brevettato un corpo unico, l’unibody, personalizzabile in un secondo momento in base al gusto e alle richieste dell’utente. Il composito termoplastico iniziale, realizzato da micro e nano particelle che assicurano flessibilità e alte prestazioni, viene trasformato grazie a calore e pressione in una tavola bianca. 
Successivi processi di stampaggio elettronico e termico adattano le tavole a forma, dimensione, flessibilità, curvatura scelte dall’utente sul proprio profilo online e salvate in cloud. L’immagine caricata online dall’utente viene trasferita sulla tavola bianca e, in ultimo, bordi e inserti in acciaio sono applicati sulla tavola che è pronta per essere consegnata.

A fine uso l’utente può rimandare indietro la tavola, riordinarne una nuova modificando o lasciando invariate le preferenze salvate sul profilo e attraverso un re-creation code avere uno sconto sulla nuova attrezzatura. La tavola, rientrata in azienda, è pulita, macinata, trasformata in materia prima riciclata e utilizzata per creare una nuova attrezzatura, riducendo i costi e l’impatto ambientale. 
Secondo uno dei fondatori di Nairoby, Sebastián Rosenfeld, “il processo ideato migliora il rapporto tra l’utente, le attrezzature sportive, l’attività di noleggio e il nostro pianeta. Dopo snowboard e sci, passeremo alle tavole da surf e wakeboard”.
Accanto ai modelli di business B2C (e-commerce) e B2R (negozi di noleggio), la tecnologia brevettata dall’azienda può essere anche concessa in licenza a un soggetto globale. 


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
©Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 

Ti potrebbero interessare
(Pixabay)
5 casi studio di economia circolare da ricordare

Le storie di successo legate all’economia circolare tracciano una strada, spesso irta di ostacoli burocratici e tecnologici, che ha il…

Leggi adesso arrow_right
Start up
Le 5 start up da tenere d'occhio sull'economia circolare

Ecco 5 start up, unicorno e non, che con le loro idee innovative stanno promuovendo modelli di business circolari.

Leggi adesso arrow_right
Rame
Rame: come si ricicla e quanto vale

Il recupero del rame, metallo infinitamente riciclabile, può contribuire a coprire, in parte, il fabbisogno globale futuro e a costruire…

Leggi adesso arrow_right