CARBON FOOTPRINT

CHE COS’È LA CARBON FOOTPRINTWHAT IS CARBON FOOTPRINT

Il concetto di impronta ecologica affonda le proprie radici nella prima metà degli anni ’90. Proposta da Mathis Wackernagel e da William Rees, rispettivamente dottorando e professore della British Columbia University, tale strumento rappresenta uno dei più classici indicatori impiegabili per la descrizione degli impatti ambientali associati all’attività umana. Nello specifico, basandosi sul concetto di capacità di carico, tale indicatore è finalizzato alla descrizione e quantificazione dell’utilizzo (o sovra utilizzo) delle risorse messe a disposizione dal nostro pianeta. Nel corso degli anni si sono sviluppate altre “impronte” impiegabili come indicatori della pressione esercitata dall’uomo sull’ambiente. Tra queste ritroviamo la Carbon Footprint che, pur rappresentando una delle componenti calcolate all’interno della stessa impronta ecologica, si è dotata nel corso degli anni di una propria indipendenza. 

Questa può essere definita come il quantitativo di CO2 equivalente derivante dalle emissioni complessive di gas ad effetto serra associate direttamente o indirettamente ad un prodotto, un servizio o un’organizzazione. Dato che il cambiamento climatico rappresenta attualmente una delle principali sfide del nostro secolo, così come testimoniato anche dall’ambizioso obiettivo, previsto dall’Accordo di Parigi, di contenere l’incremento delle temperature per la fine del secolo ben al di sotto dei 2°C, si comprende l’importanza di un indicatore dell’impatto delle attività umane sul clima, quale appunto la carbon footprint. Questo, grazie all’elevata versatilità presenta diversi campi d’applicazione, garantendo un’immediata valutazione della sostenibilità ambientale di prodotti, servizi e organizzazioni.
The concept of ecological footprint has its roots in the first half of the 1990s. Proposed by Mathis Wackernagel and William Rees, respectively PhD student and professor at British Columbia University, this tool represents one of the most classic indicators that can be used for the description of the environmental impacts associated with human activity. Specifically, based on the concept of load capacity, this indicator is aimed at describing and quantifying the use (or overuse) of the resources made available by our planet. Over the years, other “footprints” have developed that can be used as indicators of the pressure exerted by man on the environment. Among these we find the Carbon Footprint which, while representing one of the components calculated within the same ecological footprint, has acquired its own independence over the years.

This can be defined as the amount of CO 2 equivalent resulting from the total greenhouse gas emissions associated directly or indirectly with a product, a service or organization . Given that climate change currently represents one of the main challenges of our century, as evidenced also by the ambitious goal, envisaged by the Paris Agreement, to contain the increase in temperatures by the end of the century well below 2°C, we understand the importance of an indicator of the impact of human activities on the climate, such as the carbon footprint. This, thanks to the high versatility, has different fields of application, ensuring an immediate assessment of the environmental sustainability of products, services and organizations.

COME SI MISURA? GLI STANDARD DI RIFERIMENTOHOW IS IT MEASURED? THE REFERENCE STANDARDS

La misurazione dell’impronta di carbonio si basa su standard riconosciuti a livello internazionale specifici in base all’oggetto dell’analisi. Nel caso di prodotti o servizi, lo standard di riferimento è rappresentato dalla recente norma UNI EN ISO 14067 “Greenhouse gases – Carbon footprint of products – Requirements and guidelines for quantification and Communication”, la quale si rifà alle precedenti norme UNI EN ISO 14040 (“Gestione ambientale – Valutazione del ciclo di vita – Principi e quadro di riferimento”) e UNI EN ISO 14044 (“Gestione ambientale – Valutazione del ciclo di vita – Requisiti e linee guida”). Questa, basandosi sull’approccio Life Cycle Assessment, permette di calcolare le emissioni clima alteranti generate durante tutte le fasi di vita del prodotto analizzato (estrazione, trasformazione delle materie prime, produzione, distribuzione, uso e fine vita). Per quanto riguarda invece le organizzazioni, le norme di riferimento sono rappresentate dal Greenhouse Gas Protocol (GHG Protocol for Project Accounting) e dallo standard UNI EN ISO 14064. Nello specifico quest’ultima si compone di tre documenti, di seguito riportati, utilizzabili singolarmente o in maniera integrata:The measurement of the carbon footprint is based on internationally recognized standards specific to the subject of the analysis. In the case of products or services, the reference standard is represented by the recent standard UNI EN ISO 14067 Greenhouse gases – Carbon footprint of products – Requirements and guidelines for quantification and Communication “, which refers to the previous standards UNI EN ISO 14040 (” Environmental management – Life cycle assessment – Principles and reference framework “) and UNI EN ISO 14044 (“Environmental management – Life cycle assessment – Requirements and guidelines”). This, based on the Life Cycle Assessment approach, allows to calculate the emissions altering climate generated during all the life stages of the analyzed product (extraction, transformation of raw materials, production, distribution, use and end of life). As regards organizations, the reference standards are represented by Greenhouse Gas Protocol (GHG Protocol for Project Accounting) and the UNI EN ISO 14064 standard. Specifically, the latter consists of three documents, listed below, which can be used individually or in an integrated manner:

  • ISO 14064-1 “Greenhouse gases – Part 1: Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals”, focalizzata sui requisiti di progettazione e sviluppo degli inventari emissivi delle organizzazioni;
  • ISO 14064-2 “Greenhouse gases – Part 2: Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals”, la quale stabilisce i requisiti per la quantificazione, rendicontazione e monitoraggio delle riduzioni e rimozioni dei gas serra dal comparto atmosferico
  • ISO 14064-3 “Greenhouse gases – Part 3: Specification and guidance for validation and verification”, che infine precisa i requisiti e linee guida per la convalida e verifica, operate da parte degli enti di certificazione, delle informazioni contenute negli inventari.
  • ISO 14064-1 “Greenhouse gases – Part 1 : Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals”, focused on the design and development requirements of organizations’ emission inventories.
  • ISO 14064-2 “Greenhouse gases – Part 2: Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals”, which establishes the requirements for the quantification, reporting and monitoring of reductions and removals of greenhouse gases from the atmospheric sector.
  • ISO 14064-3 “Greenhouse gases – Part 3: Specification and guidance for validation and verification”, which finally specifies the requirements and guidelines for the validation and verification, carried out by certification bodies, of the information contained in the inventories.

Oggetto di tali norme è la realizzazione di inventari emissivi che permettano la quantificazione e successiva valutazione dell’impronta di carbonio aziendale. Le emissioni contenute in tali documenti, in base a quanto previsto dalle norme, vengono categorizzate in tre voci principali:Scope 1nel quale sono conteggiate le emissioni dirette dell’organizzazione;Scope 2ovvero le emissioni indirette derivanti dal consumo energetico;Scope 3nel quale infine ricadono le ulteriori emissioni indirette non ricadenti nel precedente Scope. Sia per la Carbon Footprint di prodotto o servizio sia per gli inventari emissivi delle organizzazioni, vengono considerati, ai fini dell’analisi, i gas ad effetto serra contenuti nel protocollo di Kyoto quali anidride carbonica (CO2), metano (CH4), protossido di azoto (N2O), idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC) ed esafluoruro di zolfo (SF6). Questi in virtù del differente contributo al riscaldamento globale, espresso mediante il Global Warming Potential (GWP), verranno rendicontati in termini di COequivalente. The object of these rules is the creation of emission inventories that allow the quantification and subsequent assessment of the company’s carbon footprint. The emissions contained in these documents, according to the provisions of the regulations, are categorized into three main items: Scope 1 in which the direct emissions of the organization are counted; Scope 2 indirect emissions deriving from energy consumption; Scope 3 which finally includes the additional indirect emissions not falling within the previous Scope. Both for the Carbon Footprint of the product or service and for the emission inventories of the organizations, the greenhouse gases contained in the Kyoto Protocol such as carbon dioxide (CO 2 ) are considered for the analysis, methane (CH4), nitrous oxide (N2O), hydrofluorocarbons (HFC), perfluorocarbons (PFC) and sulfur hexafluoride (SF6). By virtue of the different contribution to global warming, expressed through the Global Warming Potential (GWP), these will be reported in terms of CO2 equivalent.

GLI OBIETTIVI E I VANTAGGI DELLA RENDICONTAZIONETHE OBJECTIVES AND ADVANTAGES OF REPORTING

La comunità internazionale, il mondo delle imprese e la società civile, stanno progressivamente prendendo sempre più consapevolezza della necessità di un cambiamento dei modelli di produzione e consumo. Le aziende giocano un ruolo di primaria importanza nella lotta al cambiamento climatico, in quanto da un lato, la sempre più stringente normativa in merito, richiama il settore industriale a crescenti sforzi per implementare le azioni di mitigazione, dall’altro sono sempre più evidenti i rischi derivanti dall’intensificarsi degli effetti del cambiamento climatico, a cui le stesse aziende sono sottoposte.

Secondo l’EU 2019 Guidelines on reporting climate-related information, il Climate Change determina in primo luogo rischi di natura fisica, derivanti dai possibili danni materiali causati da fenomeni meteorologici estremi (con conseguenze quali danni alle infrastrutture, ai lavoratori, ai macchinari, ai prodotti finiti, alla catena di distribuzione e alla catena di approvvigionamento),  in secondo luogo vi sono quelli di natura finanziaria (legati alla gestione dei primi) ed infine quelli di transizione, all’interno dei quali rientrano i rischi di compliance (dovuti per esempio all’evoluzione normativa) i rischi di mercato (derivanti dallo spostamento delle richieste dei consumatori verso prodotti sempre più sostenibili) e i rischi tecnologici derivanti dalla necessità di adottare, a seguito dello sviluppo normativo, le più avanzate tecnologie di contenimento delle emissioni.

In quest’ottica, l’adozione di strumenti quale il calcolo della Carbon Footprint sia a livello di prodotto o servizio, sia a livello di organizzazione mediante gli inventari emissivi, rappresenta un valido strumento per poter descrivere e comprendere dove si concentrino gli impatti ambientali e i rischi connessi al cambiamento climatico. Calcolare la Carbon Footprint si configura quindi come uno strumento di contabilità ambientale, mediante la quale le aziende possono conoscere le proprie performance ambientali, migliorare la comunicazione nei confronti dei propri stakeholders e rafforzare la propria “green reputation”. Ancora la Carbon Footprint diventa uno strumento di gestione aziendale, in grado di far comprendere le inefficienze e le debolezze ambientali dei cicli produttivi aziendali, a cui far seguire l’implementazione di un piano di carbon management volto al contenimento delle emissioni di gas serra, nonché al raggiungimento della Carbon Neutrality
The international community, the business world and civil society are gradually becoming awareness of the need for a change in production and consumption models. Companies play a role of primary importance in the fight against climate change , as on the one hand, the increasingly stringent legislation in this regard calls the industrial sector to increasing efforts to implement mitigation actions, from the risks deriving from the intensification of the effects of climate change, to which the same companies are subjected, are more and more evident.

According to the EU 2019 Guidelines on reporting climate-related information ,Climate Change primarily determines physical risks, deriving from possible material damage caused by extreme weather phenomena (with consequences such as damage to infrastructure, workers, machinery, finished products, distribution chain and supply chain); secondly there are those of a financial nature (linked to the management of the former) and finally those of transition, which include the compliance risks (due for example to the regulatory evolution) the market risks (deriving from the shift of consumer requests towards increasingly sustainable products) and the technological risks deriving from the need to adopt, following the regulatory development, the most advanced emission containment technologies.

In this perspective, the adoption of tools such as the calculation of the Carbon Footprint both at the product or service level, and at the organization level through emission inventories, represents a valid tool to describe and understand where the environmental impacts and risks associated with climate change are concentrated. Calculating the Carbon Footprint is therefore configured as an environmental accounting tool, through which companies can learn about their environmental performance, improve communication with their stakeholders and strengthen their “green reputation” . Again the Carbon Footprint becomes a corporate management tool, able to make people understand the inefficiencies and environmental weaknesses of the corporate production cycles, followed by the implementation of a carbon management plan aimed at containing greenhouse gas emissions, as well as upon reaching Carbon Neutrality.

LA STRATEGIA DI CARBON NEUTRALITYTHE CARBON NEUTRALITY STRATEGY

Lo sviluppo di una strategia di Carbon Neutrality può quindi rappresentare uno dei naturali sviluppi, a seguito del calcolo della Carbon Footprint. Con questo termine ci riferisce nello specifico ad un prodotto, un servizio o un’organizzazione il cui contributo netto alle emissioni clima alteranti in atmosfera sia pari a zero. Il percorso da intraprendere da parte delle organizzazioni, per raggiungere tale obiettivo, è oggetto di una specifica procedura descritta dallo standard BSI PAS 2060:2010. Secondo quanto previsto da quest’ultimo la procedura può essere riassunta in 4 fasi principali:The development of a Carbon Neutrality strategy can therefore represent one of the natural developments, following the calculation of the Carbon Footprint. This term refers specifically to a product, service or organization whose net contribution to climate-altering emissions into the atmosphere is zero. The path to be taken by organizations to achieve this goal is the subject of a specific procedure described by the BSI PAS 2060: 2010 standard. According to the provisions of the latter, the procedure can be summarized in 4 main phases:

  1. Il primo step prevede il calcolo appunto della carbon footprint di prodotto o di organizzazione, utilizzando le metodologie standardizzate e riconosciute a livello internazionale, precedentemente citate;
  2. Segue lo sviluppo di un piano di gestione (carbon management) e stesura della dichiarazione di impegno alla carbon neutrality (contenuta nel piano stesso). In questo verranno incluse le tempistiche per il raggiungimento dell’obbiettivo, le misure in materia di mitigazione, le emissioni residue che si prevede di compensare, le modalità per la compensazione oltre che le tipologie di crediti che si intende utilizzare per tale scopo;
  3. Una volta realizzate le misure di riduzione previste dal piano di gestione, verrà ricalcolata la carbon footprint con l’obiettivo di indentificare le emissioni residue che saranno oggetto del successivo programma di compensazione. Queste potranno essere compensate mediante il conseguimento di crediti di emissione e loro annullamento (termine tecnico indicante la rendicontazione dei crediti in appositi registri indipendenti e pubblicamente disponibili), procedura quest’ultima necessaria per evitare problemi di doppio conteggio o doppia vendita;
  4. Una volta raggiunti gli obiettivi di riduzione e compensazione delle emissioni prodotte, il soggetto potrà emettere la dichiarazione di raggiungimento della neutralità climatica, spendibile con i propri stakeholders.
  5. The first step involves the calculation of the carbon footprint of the product or organization, using the previously mentioned standardized and internationally recognized methodologies;
  6. This is followed by the development of a management plan (carbon management) and drafting of the declaration of commitment to carbon neutrality (contained in the plan itself). This will include the timing for achieving the objective, the mitigation measures, the residual emissions that are expected to be offset, the methods for offsetting as well as the types of credits intend to be used for this purpose;
  7. Once the reduction measures envisaged in the management plan have been implemented, the carbon footprint will be recalculated with the aim of identifying the residual emissions that will be subject of the next compensation program. These can be offset by obtaining emission credits and their cancellation (technical term indicating the reporting of credits in specific, independent and publicly available registers), a procedure which is necessary to avoid problems of double counting or double sales;
  8. Once the objectives of reducing and offsetting the emissions produced have been achieved, the subject will be able to issue the declaration of achievement of climate neutrality, which can be spent with their stakeholders.

I CREDITI DI CARBONIOCARBON CREDITS

Il raggiungimento della carbon neutrality, come intuibile dal percorso descritto nelle sue fasi essenziali in precedenza, prevede in aggiunta alla semplice mitigazione, l’implementazione di misure compensative (carbon offset) per le emissioni residue. A seguito di tali iniziative viene previsto il rilascio di crediti di carbonio indicanti la rimozione di una tonnellata di CO2 equivalente dall’atmosfera.  Questi potendo essere scambiati in appositi mercati, si qualificano come veri e propri strumenti finanziari impiegabili nell’azione di contrasto al cambiamento climatico. La loro introduzione risale al Protocollo di Kyoto, nel quale erano previsti due principali meccanismi progettuali per il contenimento delle emissioni clima alteranti: il primo è rappresentato dal Clean Developement Mechanism (CDM) nel quale rientrano i progetti di compensazione da attivarsi in paesi in via di sviluppo (secondo quanto previsto dall’articolo 12 del Protocollo) e alla cui realizzazione segue il rilascio di Certified Emission Reduction (CER). Il secondo definito Joint Implementation (JI) raggruppa i progetti compensativi sviluppati in paesi industrializzati (Annex I del Protocollo di Kyoto) e la cui attuazione prevede il rilascio di crediti denominati Emission Reduction Unit(ERU).

Nel corso degli anni si sono affiancati i crediti derivanti da progetti non rientranti nei meccanismi progettuali sopracitati, a disposizione di soggetti pubblici e privati che vogliano valorizzare i propri sforzi e impegni in merito alla riduzione delle emissioni clima alteranti. Tali crediti definiti Verified Emission Reduction (VERs), sono utilizzabili all’interno dei cosiddetti mercati volontari. Ad oggi i soggetti interessati possono ricorrere a differenti standard che, pur presentando specifiche differenze, conservano una serie di requisiti comuni quali i criteri di eleggibilità (ovvero le categorie e le dimensioni progettuali previste dallo specifico standard), il principio di addizionalità, le metodologie di monitoraggio e validazione del progetto nonché la certificazione dei crediti generati. Tra gli standard ad oggi maggiormente utilizzati è possibile citare il Gold Standard e il Voluntary Carbon Standard (VCS) sviluppato dallo IETA (International Emission Trading Association).
The achievement of carbon neutrality, as can be understood from the path described in its essential phases above, provides in addition to simple mitigation, the implementation of compensatory measures (carbon offset) for residual emissions. Following these initiatives, the release of carbon credits is envisaged, indicating the removal of one ton of CO 2 equivalent from the atmosphere. These could be traded on specific markets, they qualify as real financial instruments that can be used in the fight against climate change. Their introduction dates back to the Kyoto Protocol, which included two main design mechanisms for the containment of climate-altering emissions: the first is represented by the Clean Developement Mechanism (CDM) which includes the compensation projects to be activated in developing countries (according to the provisions of article 12 of the Protocol) and whose implementation is followed by the release of Certified Emission Reduction (CER). The second defined Joint Implementation (JI) groups the compensatory projects developed in industrialized countries (Annex I of the Kyoto Protocol) and whose implementation involves the release of credits called Emission Reduction Unit (ERU).

Over the years, the credits deriving from projects that do not fall within the aforementioned planning mechanisms have been added, available to public and private subjects who want to enhance their efforts and commitments in about the reduction of climate-altering emissions. These credits defined as Verified Emission Reduction (VERs), can be used within the so-called voluntary markets. Today, interested parties can resort to different standards which, while presenting specific differences, retain a series of common requirements such as the eligibility criteria (i.e. the categories and project dimensions provided for by the specific standard), the principle of additionality, the methodologies for monitoring and validating the project as well as the certification of the generated credits. Among the most widely used standards today it is possible to mention the Gold Standard and the Voluntary Carbon Standard (VCS) developed by the IETA (International Emission Trading Association) .

Per avere la Circular Guide sempre a portata di mano:To have the Circular Guide always at hand:


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – La presente Unità Didattica ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di Circularity Srl – Società Benefit e come tali protetti.
INTELLECTUAL AND INDUSTRIAL PROPERTY RIGHTS – LIMITATION OF USE
© Copyright reserved – This Didactic Unit and the related editorial contents conveyed are the subject of intellectual and industrial property of Circularity Srl – Benefit Company and as such protected.


Ti potrebbe interessare anche...

Unità Didattica 3
Avatar
RINNOVAMENTO DELLA MATERIA
Da un’economia Lineare a una Circolare per rigenerare la materia e utilizzarla in nuovi processi produttivi. Gli obblighi per le aziende e come possono misurare la loro circolarità.
Unità Didattica 3.2
Avatar
CIRCULARITY GAP
La distanza da colmare per un futuro più circolare è ancora lunga. Conoscere il GAP che ci separa da un’ideale circolarità e le opportunità che un’azienda può cogliere, sono i primi passi per avere successo in questa transizione. There is still a long way to go for a more circular future. Knowing the GAP that separates us from an ideal circularity and the opportunities that a company can seize are the first steps to be successful in this transition.
Unità Didattica 3.3
Avatar
LIFE CYCLE ASSESSMENT
L’approccio di Life Cycle Assessment come strumento di misurazione dell’impatto ambientale dei processi produttivi.The Life Cycle Assessment approach as a tool for measuring the environmental impact of production processes.
Unità Didattica 3.4
Avatar
CERTIFICAZIONI AMBIENTALI
L’importanza delle certificazioni ambientali di prodotto e di processo: cosa sono e come si ottengono. The importance of product and process environmental certifications: what they are and how they are obtained.
UNITA’ DIDATTICA 3.5
Avatar
END OF WASTE
La cessazione della qualifica di rifiuto, cosa è e come può essere ottenuta seguendo la normativa vigente.The cessation of the qualification of waste, what it is and how it can be obtained by following the current legislation.
Unità Didattica 3.6
Avatar
LIFE CYCLE THINKING
Rivisitare in azienda il proprio modello produttivo per ripensarlo con un approccio circolare.Revisiting your own production model in the company to rethink it with a circular approach.