x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK



« Back

EMAS e rifiuti: uno strumento per il cambiamento

Come e perché, oggi più che mai, la registrazione europea di processo aiuta le imprese Durata (2 ore)

Le autorità pubbliche, i consumatori, le associazioni ambientaliste, i media e gli stakeholder in generale, chiedono alle organizzazioni, soprattutto quelle operanti nei settori critici come la gestione dei rifiuti, migliori prestazioni ambientali, credibilità e trasparenza.

L’adesione volontaria al Sistema comunitario di ecogestione e audit EMAS (Eco Management and Audit Scheme),nato con il Regolamento (CE) n. 1836/1996, consente a un’organizzazione pubblica o privata di realizzare miglioramenti continui delle proprie prestazioni ambientali, mediante l’attuazione di un Sistema di gestione ambientale, di offrire informazioni attendibili e di garantire un dialogo aperto con tutti gli stakeholder attraverso la disponibilità e la diffusione del documento di Dichiarazione ambientale.

Il seminario, pertanto, è stato concepito per illustrare l’attuale validità di EMAS, quale efficace strumento per indirizzare il cambiamento verso la sostenibilità, in particolare, delle organizzazioni operanti nella gestione dei rifiuti, e per guidarle nel percorso di registrazione attraverso l’illustrazione dei passi fondamentali che prevedono, tra gli altri:

  • individuazione e valutazione di significatività degli aspetti ambientali correlativi alle attività e ai servizi erogati;
  • determinazione degli obblighi normativi applicabili e la verifica del loro rispetto;
  • definizione della Politica ambientale contenente l’impegno al rispetto degli obblighi normativi e al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali;
  • definizione di un Programma di miglioramento ambientale fondato su obiettivi e traguardi specifici;
  • implementazione di un Sistema di gestione ambientale necessario per il raggiungimento degli obiettivi ambientali in grado di stabilire ruoli e responsabilità, risorse, procedure di gestione e meccanismi di monitoraggio e comunicazione;
  • programmazione, pianificazione e svolgimento di un audit interno;
  • redazione, verifica e convalida della Dichiarazione ambientale con la successiva registrazione e l’inserimento dell’organizzazione nel Registro ufficiale EMAS. Inoltre, saranno approfonditi i contenuti del nuovo documento di riferimento settoriale (cfr. Decisione UE n. 2020/519 della Commissione del 3/04/2020) sulle migliori pratiche di gestione ambientale, sugli indicatori di prestazione ambientale settoriale e sugli esempi di eccellenza per il settore della gestione dei rifiuti

  • immagini corsi
    Data 7 Luglio 2020 Luogo ONLINE
    Ora 10:00 am

    RELATORI:
    Andrea Sillani
    (Valutatore ambientale certificato AICQ-SICEV)

    Coordinamento scientifico: Paola Ficco

    DESTINATARI:
    Tale documento è destinato principalmente alla comunicazione e all’informazione al pubblico esterno in merito all’impegno dell’organizzazione nei confronti dell’ambiente. In un momento di presenza indiscriminata delle speculari (e sempre pericolose) sindromi di Nimby e di Pimby il dialogo con il pubblico esterno diventa parte della “policy” aziendale. La convalida dei dati e delle informazioni contenuti nella dichiarazione ambientale, assicura la loro credibilità e affidabilità.

    WEBINAR LIVE

    Martedì 7 luglio 2020 - Dalle ore 10.00 alle ore 12.00

    L’attuale quadro normativo comunitario

  • Cos'è l'EMAS?
  • Perché aderire all’Eco Management e Audit Scheme (EMAS)?
  • EMAS e ISO 14001:2015

    L’attuale quadro normativo comunitario

  • Regolamento (CE) n. 1221/2009
  • Regolamento (UE) n. 1505/2017 (Allegato I, II, III)
  • Regolamento (UE) n. 2018/2026 (Allegato IV)
  • Documenti di riferimento settoriali

    Il percorso di registrazione EMAS

  • Analisi ambientale iniziale: aspetti e impatti delle attività svolte
  • Implementazione di un Sistema di gestione ambientale
  • Programmazione, pianificazione e svolgimento di un audit ambientale
  • Predisposizione del documento di Dichiarazione ambientale
  • Verifica, convalida e registrazione finale

    La Dichiarazione ambientale

  • Contenuti minimi
  • Aspetti ambientali significativi e obiettivi di miglioramento
  • Utilizzo degli indicatori di prestazione ambientale

    Alla chiusura di ogni argomento sarà possibile porre dei quesiti che verranno selezionati dal relatore

    APPROFONDIMENTI VIDEO

    Disponibili ai partecipanti nell’area riservata del sito www.formazione.edapro.it dal 7 al 21 luglio 2020

    Benefici e incentivi economici per le organizzazioni in possesso della Registrazione EMAS

  • Riduzione delle garanzie finanziarie per l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali
  • Autocertificazione e procedure di rinnovo delle autorizzazioni
  • Semplificazioni e agevolazioni nel procedimento di rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale

    Il Documento di riferimento settoriale per il settore della gestione dei rifiuti

  • Decisione (UE) 2020/519 del 3/04/2020: struttura, ambito di applicazione e finalità
  • Le migliori pratiche di gestione ambientale
  • Gli specifici indicatori di prestazione ambientale
  • Gli esempi di eccellenza per il settore della gestione dei rifiuti

    Come predisporre la Dichiarazione ambientale per il settore della gestione dei rifiuti

  • Le informazioni e i dati pertinenti
  • Aspetti ambientali e impatti correlati alla gestione dei rifiuti
  • Programma di miglioramento ambientale e indicatori specifici di prestazione
  • L’utilizzo del documento di riferimento settoriale per il settore della gestione dei rifiuti

    Per ulteriori quesiti che derivano dallo studio dei materiali, i partecipanti potranno porre le loro domande (non più di una ciascuno) entro il 14 luglio 2020 e riceveranno le risposte attraverso un video registrato nell'area riservata del sito www.formazione.edapro.it
  • QUOTA DI ISCRIZIONE:
    euro 240,00 + IVA euro 52,80 totale euro 292,80
    La quota comprende: materiale di supporto, attestato di partecipazione.

    SCONTI:
    è previsto uno sconto per (euro 216,00+ iva)
    - abbonati alla rivista “Rifiuti - Bollettino di informazione normativa”
    - abbonati al servizio “Rifiuti on-line”
    - abbonati al servizio “Osservatorio di normativa ambientale”
    - è previsto uno sconto per iscrizioni multiple (euro 216,00+ iva cad.)

    Chiusura delle iscrizioni: Lunedì 6 Luglio 2020
    dopo tale data l'iscrizione è possibile solo previo contatto telefonico con la Segreteria 0245487380 (numero diretto)

    MODALITÀ DI ISCRIZIONE
    La quota di adesione deve essere versata all’atto dell’iscrizione.
    L’iscrizione può essere effettuata anche:
    prendendo contatti telefonici: linea diretta 02 45487380
    inviando una e-mail: segreteria.formazione@edapro.it

    Il Seminario sarà confermato solo al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.

    DISDETTA
    Il diritto di recesso potrà essere esercitato fino a 7 giorni lavorativi (sabato compreso) prima della data del seminario e darà diritto al rimborso completo della quota di adesione. Oltre tale limite, e fino al giorno precedente il seminario, il partecipante potrà recedere riconoscendo a EdaPro un corrispettivo del 25% della quota di adesione. Dopo tale data, qualunque ulteriore rinuncia non darà diritto ad alcun rimborso.
    È invece possibile sostituire in qualsiasi momento il partecipante al seminario, previa comunicazione del nuovo nominativo alla segreteria organizzativa.