x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento



« Back

Gestione rifiuti alla luce del nuovo codice ambientale

Norme e scenari tutti nuovi che ridisegnano obblighi e sistemi gestionali Durata (2h)

Il Consiglio dei ministri del 7 agosto 2020 ha approvato i quattro decreti legislativi che traducono sul piano nazionale, le direttive europee che compongono il cd. “pacchetto sull’economia circolare”. Lo scenario è ampio e tocca: veicoli fuori uso; pile e accumulatori e relativi rifiuti; Raee; discariche; rifiuti, imballaggi e relativi rifiuti.
Le modifiche incidono direttamente sul tenore dei seguenti provvedimenti esistenti: Dlgs 209/2003 (veicoli fuori uso); Dlgs 188/2008 (pile e accumulatori); Dlgs 49/2014 (Raee); Dlgs 36/2003 (discariche); Dlgs 152/2006, parte quarta (rifiuti, imballaggi e rifiuti di imballaggio). La “parte del leone” la fanno sicuramente i rifiuti e le discariche, con norme tutte nuove e scenari che ridisegnano obblighi e sistemi gestionali. Pertanto, la formazione permanente della Rivista RIFIUTI non manca l’atteso appuntamento con la Pubblica amministrazione e le imprese per fare il punto sulle fondamentali modifiche intervenute su questi due argomenti nodali, oggetto di due diversi decreti legislativi e di due, altrettanto diverse, giornate formative.

La progressiva riduzione del ricorso alla discarica è il primo vero passo verso un’economia realmente circolare dove occorre implementare le azioni indicate dal provvedimento su rifiuti. Le norme sui rifiuti, infatti, accelerano sulla prevenzione della produzione dei rifiuti e sul recupero di quelli che (inevitabilmente) sono prodotti; rafforzano la responsabilità estesa del produttore dei beni da cui si originano i rifiuti e migliorano la tracciabilità di quelli prodotti. Del che c’è contiguità logica nella parte relativa ai rifiuti che prevede prioritariamente la prevenzione della produzione di rifiuti e la riduzione dello smaltimento finale.

La giornata seminariale fa parte del MiniMaster Rifiuti, discariche e criteri di ammissibilità: I nuovi decreti nella logica dell'economia circolare

immagini corsi
Data 10 Novembre Luogo ONLINE
Ora 10:00 am

RELATORI:
Paola Ficco (Avvocato in Roma – Giurista ambientale)

Daniele Bagon (Segretario Albo nazionale gestori ambientali – Sezione regionale Liguria)

Stefania Pallotta (Responsabile Unità Legalità e Ambiente Città metropolitana di Venezia)


Registrati al corso

WEBINAR LIVE

10 Novembre 2020 - Dalle ore 10.00 alle ore 12.00
Paola Ficco
Scenario introduttivo, i piani nazionali di prevenzione e di gestione e le novità salienti (centri di raccolta, la preparazione per il riutilizzo, le modifiche agli allegati ecc.)

APPROFONDIMENTI REGISTRATI
Disponibili ai partecipanti nell’area riservata del sito https://formazione.edapro.it dal 10 novembre al 29 novembre 2020

Paola Ficco
• Responsabilità estesa del produttore: la rivoluzione copernicana per i produttori di beni da cui derivano rifiuti
• Le nuove definizioni
• La trasformazione del deposito temporaneo
• Le responsabilità e l’attestazione di avvenuto smaltimento
• Attività manutentiva e sanitaria, cosa cambia
• Gli (ex) assimilati agli urbani

Daniele Bagon
• Registro elettronico, formulario, registro cronologico, catasto: la tracciabilità di oggi e di domani e il recupero dei contributi Sistri
• Registri e formulari: le nuove sanzioni
• Il trasporto intermodale

Stefania Pallotta
• Le nuove sanzioni amministrative introdotte dalla revisione dell'art. 258, Dlgs 152/2006

Silvia Navach
• Veicoli fuori uso e le novità di cui al Dlgs 119/2020

ISCRIZIONE:
Quota di adesione
euro 280,00 + IVA euro 61,60 totale euro 341,60

SCONTI:
è previsto uno sconto per:
- abbonati alla rivista “Rifiuti - Bollettino di informazione normativa”
- abbonati al servizio “Rifiuti on-line”
- abbonati al servizio “Osservatorio di normativa ambientale”


Registrati al corso