x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento



« Back
RIFIUTI

La tracciabilità dei rifiuti

Registri, formulari e MUD nel passaggio al Registro Elettronico Nazionale Durata (2 giorni)

Il complesso passato della tracciabiità in Italia
Da quasi vent’anni il sistema che traccia l’intero percorso del rifiuto, dalla produzione iniziale fino al recupero o allo smaltimento finale, continua a fare riferimento a tre modelli di documentazione : i Registri di carico e scarico, il Formulario di identificazione per il trasporto e il Modello unico di dichiarazione (Mud). Inoltre, a partire dal 2009, parallelamente a queste scritture tradizionali è stato introdotto il Sistema di tracciamento telematico dei rifiuti (Sistri), che in realtà non è mai diventato operativo, pur essendo sempre stato finanziato da contributi aziendali.

La situazione oggi
Dal 1° gennaio 2019 il Sistri, e gli obblighi di versamento relativi, sono soppressi ed è introdotto il Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti, gestito direttamente dal Ministero dell'Ambiente, in attesa di un decreto attuativo. Si è quindi in presenza dell’ennesimo difficile passaggio da una modalità di compliance ad un’altra.

Due giorni per fare il punto
Il Mini Master sulla Tracciabilità dei rifiuti vuole fare chiarezza su tutto questo delicato scenario: gli obblighi, le esatte modalità operative di tenuta delle scritture ambientali, le sanzioni, le proroghe, le esenzioni, fino ad aspetti specifici e particolari. 
Ampio spazio sarà lasciato all’esame di casi concreti e al question time.
Gli argomenti trattati possono costituire un valido supporto per la preparazione alle verifiche iniziali e periodiche previste dal Regolamento Albo nazionale gestori ambientali, necessarie per l’acquisizione o il mantenimento dei requisiti per l’assunzione della carica di Responsabile tecnico nelle imprese tenute all’iscrizione.

Destinatari
Imprese che producono e gestiscono rifiuti 
Responsabili tecnici
Operatori del Diritto
Ingegneri, geologi e chimici
Consulenti aziendali
Dipendenti Pubblica amministrazione

immagini corsi
Data 2-3 Luglio 2020 Luogo WEBINAR ONLINE
Ora 9:00 am

EDA PRO

Daniele Bagon
(Segretario Albo nazionale gestori ambientali della Liguria)

Stefania Pallotta
(Responsabile Unità Legalità e Ambiente Città metropolitana di Venezia)

Coordinamento scientifico: Paola Ficco

Giovedì 2 Luglio 2020

Modulo 1 – ore 9:00-13:00

Daniele Bagon 
Il registro di carico e scarico

  • Riferimenti normativi
  • Analisi del modello (frontespizio, allegato A e allegato B)
  • Come va gestito il registro (vidimazione, integrazione, conservazione, annotazioni)
  • Casi particolari, criticità ricorrenti e soluzioni
  • Luogo di tenuta


Modulo 2 – ore 14:00-18:00

Daniele Bagon 
Il formulario per il trasporto

  • Riferimenti normativi
  • Trasporti obbligati e trasporti esclusi
  • Analisi del modello
  • Come va gestito il formulario (integrazione, conservazione, annotazioni, le 4 copie)
  • Casi particolari, quali le attività manutentive, di assistenza sanitaria, manutenzione infrastrutture e pulizia manutentiva delle reti fognarie, criticità ricorrenti e soluzioni peso, numero del registro e data di effettuazione del trasporto, carichi respinti totalmente e parzialmente micro-raccolta, trasbordo

 

Venerdì 3 Luglio 2020

Modulo  3 – ore 9:00-13:00

Daniele Bagon
Il Mud 
•    Soggetti obbligati
•    Principi generali di compilazione e presentazione

Il Registro Elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti
•    I soggetti obbligati a iscriversi e a corrispondere il contributo
•    Cosa dovrà prevedere il  decreto del MinAmbiente
•    Analisi del modello


Modulo  4 – ore 14:00-18:00

Stefania Pallotta
Sanzioni amministrative rifiuti 

•    Registri, formulari e Mud: il sistema sanzionatorio
•    La contestazione rifiuti
•    Il soggetto attivo dell’illecito amministrativo ambientale
•    Il responsabile solidale ambientale 
•    Il pagamento in misura ridotta 
•    La determinazione della misura delle sanzioni pecuniarie
•    La rateizzazione
I diversi moduli prevedono esercitazioni in Aula, guidate dal Docente e risolte coralmente con l’apporto dell’esperienza di tutti 

Quota di adesione
euro 750,00 + IVA euro 165,00 totale euro 915,00

 

La quota comprende: materiale di supporto, attestato di partecipazione, colazione di lavoro.

 

E' previsto uno sconto per iscrizioni multiple.