x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.OK

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.OK

« Back

Esperto risponde

Formulario: sempre necessario per il centro di raccolta (tema trattato: esclusione dal formulario)

Il trasporto di rifiuti da ecocentro a impianto di destinazione finale eseguito, dalla ditta che gestisce il servizio pubblico a seguito di un appalto o dalla ditta a cui è affidato tramite un contratto di subappalto, tale trasporto deve essere accompagnato dal formulario di identificazione?

Risponde Circularity, esperto: Rivista Rifiuti

L’esclusione dal formulario è prevista dall’articolo 193 (commi 4 e 4-bis) solo nei seguenti casi: • trasporto di rifiuti urbani effettuato dal soggetto che gestisce il servizio pubblico • trasporti di rifiuti non pericolosi effettuati dal produttore dei rifiuti stessi, in modo occasionale e saltuario, che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi o di trenta litri • trasporto di rifiuti speciali da attività agricole e agroindustriali, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 2135 C.c effettuato dal loro produttore in modo occasionale e saltuario e finalizzato al conferimento al gestore del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani con il quale sia stata stipulata una convenzione, purché tali rifiuti non eccedano la quantità di trenta chilogrammi o di trenta litri. Quindi, l’esclusione dal formulario opera solo nei casi su riportati. Con riguardo ai rifiuti urbani (e speciali assimilati agli urbani) si sottolinea che l’esclusione opera solo con riguardo al trasporto e solo se tale trasporto è effettuato dal soggetto che gestisce il servizio pubblico; tale esclusione, infatti, non opera in ragione della provenienza da un centro di raccolta. In ordine ai rifiuti urbani, la Circolare 4 agosto 1998, n. 1, lettera n), ha ricordato che “Resta fermo che il trasporto di rifiuti urbani effettuato da un centro di stoccaggio a un centro di smaltimento o recupero deve sempre essere accompagnato dal formulario di identificazione;”. La Circolare 4 agosto 1998 è stata richiamata e confermata nella sua validità ed efficacia dall’articolo 193, comma 5, Dlgs 152/2006. In fase di uscita dal centro di raccolta, si ritiene che il formulario debba riportare gli estremi del gestore del centro di raccolta (gestore del servizio pubblico) che vi figurerà in qualità di detentore. In tale veste questo gestore firmerà il formulario. I rifiuti, infatti, non sono prodotti dal Comune bensì dai cittadini residenti nel Comune. Pertanto, nella prima parte del formulario (“produttore/detentore”) occorre indicare il detentore (gestore della piattaforma) poiché il produttore non è reperibile. Il produttore dei rifiuti non è il Comune poiché la signoria di fatto sul rifiuto è esercitata dal gestore. Tale concetto conserva la sua intima validità anche oggi alla luce della mutata definizione di “detentore” di cui all’articolo 183, comma 1, lettera h), Dlgs 152/2006: “il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che ne è in possesso”. Infatti, il riferimento al “possesso” qui contenuto è più ampio di quello di detenzione (contemplato in precedenza) perché vi rientrano le diverse figure di rapporto tra il soggetto e l’oggetto ove figurano anche il possesso pieno, la detenzione e il possesso mediato. Attraverso il formulario i vari soggetti (con la consueta declinazione delle responsabilità) appongono la propria firma. Il formulario fotografa la realtà; pertanto, la firma sul formulario va apposta dalla società che gestisce l’impianto (e non dal Comune). Ovviamente, la firma sarà apposta o dal legale rappresentante o dal dipendente destinatario di apposita delega di attribuzioni, opportunamente qualificato e debitamente formato per la gestione delle diverse tipologie di rifiuti conferibili al centro di raccolta e per la compilazione e la tenuta del formulario.

Quesiti più letti
Produttore: decide se destinare i rifiuti a recupero o smaltimento

Rottami, il produttore del rifiuto può scegliere di farli diventare sottoprodotti

Come correggere errori materiali nella compilazione del formulario?

Abbonati subito e sottoponi le tue richieste ai nostri Esperti

Invia una domanda