x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

La foresta di Circularity

« Back

Riforestazione ad alto impatto sociale:
il doppio valore di un albero

La riforestazione è una delle azioni più efficaci per contrastare il cambiamento climatico.

Abbiamo aderito al programma di riforestazione ad alto impatto sociale nella regione del Petèn in Guatemala, vittima di grandi deforestazioni nel passato, piantando la foresta di Circularity con il duplice obiettivo di avere un’impatto positivo sull’ambiente e sulla comunità.

L’iniziativa è finalizzata a compensare le emissioni prodotte dalla nostra attività, e allo stesso tempo, avere un impatto positivo sulle comunità locali. Il secondo valore aggiunto del progetto avviato da Circularity è proprio quello sociale. Grazie al supporto della facoltà di scienze agrarie dell’Universidad San Carlos de Guatemala, e la partnership con ZeroCo2 e Comparte Onlus, siamo in grado di apportare un significativo impatto positivo sulla vita delle comunità locali.

La CO2 compensata da Circularity

Circularity e ZeroCO2

In ottica sociale il progetto mira a promuovere la formazione delle culture locali su temi quali agroecologia e permacultura, ottimizzazione dei raccolti in chiave organica e preparazione di fertilizzanti naturali partendo da risorse naturali. Inoltre, gli alberi di Circularity e l’attività di permacultura costituiscono un metodo per progettare e gestire paesaggi antropizzati in modo che siano in grado di soddisfare i bisogni della popolazione sotto forma di cibo, fibre ed energia.

Nel lungo periodo la foresta di Circularity infatti, non avrà un impatto positivo solo sull’ambiente ma anche sulle comunità locali, in quanto gli alberi piantati saranno poi distribuiti direttamente alle famiglie contadine che li hanno coltivati.