x

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali e fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy.Dichiari di accettare l'utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa o continuando a navigare in altro modo.I consento

« Torna al Percorso Circolare

Agri-Food

Fai parte della filiera agroalimentare?
Circularity si rivolge a tutta la filiera: partiamo dall’agricoltore, per arrivare alla trasformazione e al confezionamento alimentare, affrontando anche i problemi che consolidano la relazione tra l’industria alimentare e il packaging, come l’industria della plastica.

Direttive e Obiettivi Europei

Ridurre gli sprechi alimentari e gli imballaggi

Gli stati membri dell’Unione Europea si sono posti l’obiettivo di ridurre del 30% i rifiuti alimentari entro il 2025 e del 50% entro il 2030. Nei prossimi 10 anni, almeno il 70% dei rifiuti provenienti dagli imballaggi dovrà essere riciclato.

Come?

Adottare misure che promuovano la prevenzione e la riduzione dei rifiuti alimentari, dal singolo consumatore ai servizi di ristorazione

01

Ridurre le perdite e i rifiuti alimentari lungo le catene di produzione e di approvvigionamento, oltre che nella vendita e nel consumo

02

Incoraggiare la donazione di alimenti e altre forme di ridistribuzione per il consumo umano, dando priorità all’utilizzo umano rispetto ai mangimi e al ritrattamento per ottenere prodotti non alimentari

03

Promuovere l’utilizzo di imballaggi sostenibili e alternativi alla plastica.

04

CRITICITA’ DEL SETTORE & NUMERI PER RIFLETTERE

La produzione di cibo ha contribuito a superare le soglie dei limiti planetari

La produzione di beni alimentari è una delle cause principali del depauperamento degli ecosistemi e della perdita di biodiversità del nostro pianeta, dovuto al suo impatto sugli habitat naturali e all’eccessivo sfruttamento delle risorse. L’agricoltura industriale occupa circa il 34% della superficie del nostro pianeta e circa il 50% delle superfici abitabili.
Inoltre, il packaging impiegato nella filiera alimentare rappresenta una delle principali cause dell'elevato consumo di plastica attuale.

0
%

RESPONSABILITA' DELLA DEFORESTAZIONE

La produzione di cibo rappresenta la causa primaria della deforestazione mondiale e della ridestinazione d’uso dei terreni.

0
%

RESPONSABILITA' DEL CONSUMO IDRICO

Costituisce la maggiore fonte di consumo di acqua dolce e dell’inquinamento idrico (entro il 2030, circa 3 milioni di persone non avranno facile accesso all’acqua potabile).

0
%

EMISSIONI DI GAS SERRA

L’agricoltura da sola è responsabile per il 30% del totale delle emissioni di gas serra generate dalle attività antropiche dall’uomo.

0
%

DEGRADO DEL SUOLO MONDIALE

Le attività antropiche come allevamento e agricoltura industriale hanno degradato gran parte del suolo a livello mondiale e inquinato i terreni a seguito dell'uso intensivo di pesticidi.

0
Mld/t

SPRECO DI CIBO ANNUO

Ogni anno vengono sprecati 1 miliardo e 300 milioni di tonnellate di cibo, nonché 1/3 della produzione globale, equivalente a un valore economico di 2.600 miliardi di dollari.


Esempi virtuosi

Alcune aziende hanno fatto del loro business un esempio virtuoso di applicazione dell’economia circolare. Grazie ad una visione d’insieme sistemica sono riuscite a sfruttare le proprie risorse per trarne vantaggi per sé e per l’ambiente

da cereali
a packaging
Alcune aziende del settore hanno riutilizzato scarti come materie prime seconde in alternativa alla cellulosa per realizzare il packaging dei prodotti. Un esempio è quello dei sottoprodotti derivanti dalla macinazione di grano, orzo e segale non più utilizzabili per il consumo alimentare e recuperati per essere trasformati in cellulosa destinata alla produzione di carta.
da mele
a carta
Dagli scarti di produzione dell’industria agroalimentare delle mele (bucce e torsoli risultanti dalla spremitura del frutto), che prima venivano inviati direttamente agli impianti biogas, alcune aziende sono riuscite a produrre nuovi beni di consumo sostenibili, dai vestiti ai quaderni. Aggiungendo alla cellulosa le fibre di mela è infatti possibile produrre diverse tipologie di carta.
da carote
a farine
Alcune aziende sono riuscite ad utilizzare in modo virtuoso gli scarti di lavorazione delle carote. La polpa recuperata dagli scarti di produzione di succhi o puree viene essiccata e trasformata in farina di ortaggio per le applicazioni più nobili. Un esempio? Può essere utilizzata come ingrediente gluten-free in un settore che ha grande necessità di prodotti naturali.

Fonti:

Ora che hai scoperto tutti i vantaggi economici e ambientali riservati alla tua azienda, entra anche tu a far parte dell'ECONOMIA CIRCOLARE!

Avvia il tuo percorso