News

Quesito del mese – Novembre 2020

di Paola Ficco, “Avvocato - Giurista ambientale e Direttore della Rivista RIFIUTI

Data 10/11/2020
Tipo Quesito del mese
 class=

Domanda:

La ditta A produce rifiuti (imballaggi misti) e la ditta B li preleva per portarli presso il proprio impianto di gestione rifiuti (autorizzato in Aia): sul formulario viene indicato che il rifiuto è sottoposto a R13 presso tale impianto della ditta B. La ditta B, a sua volta, prende tale rifiuto per condurlo, alternativamente, verso tre differenti impianti: gli impianti 1 e 2 sono autorizzati a svolgere una qualsiasi operazione da R1 a R12 oltre a R13, l’impianto 3 è autorizzato solo per l’operazione R13.
Sul formulario per il trasporto dall’impianto della ditta B, agli impianti 1, 2 e 3 viene indicato che il rifiuto verrà sottoposto a R13.
L’Aia dell’impianto B contiene la seguente prescrizione: “I rifiuti non pericolosi posti in messa in riserva (R13) dovranno essere sottoposti alle operazioni di recupero presso il proprio sito o destinati ad impianti di recupero di terzi entro massimo sei mesi dalla data di accettazione degli stessi nell’impianto; in tal senso i rifiuti recuperati ai sensi del Reg. Ue n. 333/2011 devono essere ceduti ad altro detentore (vendita) entro un massino di sei mesi dalla data di accettazione degli stessi nell’impianto”.
Si chiede se sono legittimi i trasferimenti dall’impianto B agli impianti 1, 2 e 3 (soprattutto il 3).

Risposta:

L’operazione di recupero data dalla messa in riserva è prevista dall’allegato C alla parte quarta, Dlgs 152/2006, con il codice alfanumerico R13 dove è previsto quanto segue: “Messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R1 a R12 (…)”. Il dettato legislativo, dunque, con l’inciso “per sottoporli”, individua la finalizzazione dell’attività di messa in riserva in tutte le altre operazioni di recupero (da R1 a R12).
Pertanto, i rifiuti che escono da una messa in riserva non possono andare in un’altra messa in riserva.
La prescrizione Aia non fa che rispettare questa previsione; del resto, stante la disposizione legislativa appena evidenziata, non potrebbe condursi diversamente. Tale prescrizione è riferita a “operazioni di recupero” generiche e si potrebbe eccepire che anche la messa in riserva è un’operazione di recupero. Un’eccezione debole, perché è facile osservare che non avrebbe senso autorizzare lo spostamento dei rifiuti da un R13 a un altro all’interno dello stesso impianto. La previsione del destino presso terzi, ha lo stesso significato poiché alternativa alla prima non in termini di operazione di recupero ma solo di destino.
Quindi, si ritiene che i trasferimenti dall’impianto B agli impianti 1, 2 e 3 non rispettino il dettato normativo e (quello sub 3) neanche l’Aia.
Il Dm 5 febbraio 1998 introduce un’eccezione per i rifiuti recuperati in procedura semplificata, consentendo il passaggio per una sola volta ma “ai soli fini della cernita o selezione o frantumazione o macinazione o riduzione volumetrica dei rifiuti” (articolo 6, comma 8). Quindi, il secondo passaggio non è consentito se queste operazioni vi fanno difetto.

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
rivista rifiuti
Vi.Vi.Fir: non è obbligatorio

E' lecito che un impianto di smaltimento/recupero si rifiuti di accettare formulari vidimati elettronicamente o è invece obbligato ad accettarli?

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Autospurgo: quando i rifiuti (ri)partono dal deposito temporaneo viaggiano con il formulario e non con il modello unico

Come deve essere correttamente compilato il nuovo documento unico di trasporto rifiuti per i Codici Eer 20.03.04 e 20.03.06?

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Autospurgo 2: puntualizzazioni sul modello unico

A fronte dell’entrata in vigore del nuovo modello unico per gli spurghisti ex articolo 230, comma 5, Dlgs 152/2006 si…

Leggi adesso arrow_right