News

Rapporto Ispra, rifiuti speciali in crescita nel 2019

Data 21/06/2021
Tipo Aggiornamento normativo

Per quanto riguarda i rifiuti speciali, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale nel Rapporto 344/2021 fa una fotografia del 2019 (10,5 milioni di tonnellate in più di rifiuti prodotti rispetto all’anno precedente) che fornisce il quadro pre pandemia e consente di utilizzare le cifre del Rapporto per “tarare” la programmazione in vista della spinta che sarà data dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il 45,5% dei rifiuti speciali prodotti nel 2019 è costituito dai rifiuti provenienti dal settore delle costruzioni e demolizioni (oltre 70 milioni di tonnellate).
Va bene il riciclo (69% dei rifiuti avviati a gestione), mentre in discarica è smaltito il 7,3%. Molto efficiente anche il recupero, in particolare per i rifiuti da costruzione e demolizione laddove con il 78,1% l’Italia è sopra l’obiettivo europeo del 70% al 2020 (articolo 181, Dlgs 152/2006). Vanno meno bene i veicoli fuori uso: siamo al di sotto i livelli di recupero totale del veicolo richiesti dall’Unione europea (84,2% a fronte di un target Ue del 95%; vedi articolo 7, Dlgs 209/2003). Secondo Ispra l’industria vede affrontare la sfida della diminuzione della quantità di rifiuti speciali attraverso l’ottimizzazione dei cicli produttivi e la ecoprogettazione, applicando tecniche in grado di rendere i prodotti maggiormente riciclabili o facilmente smontabili.

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
Conai, riduzioni contributi acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro

Dal 1° luglio 2022 sono in vigore le nuove riduzioni del Contributo ambientale Conai per gli imballaggi in acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro.

Leggi adesso arrow_right
Pacchetto "Fit for 55", Parlamento Ue respinge proposta

L'8 giugno 2022 il Parlamento europeo ha respinto le proposte dei deputati della Commissione Ambiente sul pacchetto "Fit for 55",…

Leggi adesso arrow_right
Emissioni nei settori non Ets, via libera da Parlamento Ue

L'8 giugno 2022 il Parlamento europeo ha approvato la proposta di regolamento sulle riduzioni annuali vincolanti di emissioni di gas a effetto serra 2021-2030 nei settori…

Leggi adesso arrow_right