News

Scarti di olio d’oliva per produrre creme e integratori

di Circularity

Data 11/06/2020
Tipo Caso studio

Nome: Bioenutra
Settore: Agrifood
Caratteristiche:  Estrazione naturale di polifenoli riutilizzando al 100% le acque di vegetazione provenienti dalla produzione di olio d’oliva

Bioenutra è una start-up innovativa che produce principi attivi polifenolici (sostanze antiossidanti benefiche per l’uomo contenute nelle olive) , estratti con metodi naturali da matrici di origine vegetale, senza l’utilizzo di solventi e processi chimici. Il loro processo, all’insegna dell’economia circolare, consente il recupero e la valorizzazione delle materie prime impiegate, trasformando i sottoprodotti della produzione dell’olio da potenziale problema per l’ambiente a risorsa.

La start up ha messo a punto una tecnologia in grado di risolvere così il problema delle AVO (Acque di Vegetazione Olearie). Attraverso un processo brevettato di filtrazioni meccaniche delle acque utilizzate per produrre l’olio extravergine d’oliva, Bioenutra seleziona i polifenoli più pregiati, come idrossitirosolo, tirosolo e oleuropeina, per dar vita a MOMAST­®.

Il MOMAST prodotto da Bioenutra è quindi un concentrato liquido di polifenoli,  antiossidanti naturali che l’uomo non è in grado di autoprodurre e che proteggono dai radicali liberi, riducono l’effetto dell’invecchiamento cellulare ed infiammatorio e inibiscono le malattie cardiovascolari e tumorali.

 class=

Nonostante i rinomati benefici dell’olio di oliva, il contenuto di polifenoli che sono presenti negli oli è ridotto. Nel processo di produzione dell’olio si perde infatti un grande quantitativo di polifenoli ricchi di proprietà benefiche, poiché si disperdono nelle acque di vegetazione, dove sono da 100 a 300 volte in quantità maggiori rispetto a quelli che si trovano nell’olio.

Le acque di vegetazione (AV) sono acque derivanti dai processi di lavorazione dell’olio di oliva. In esse si trovano acqua e sostanze solubili contenute nelle olive; acque di lavaggio e acque di processo, quantificabili tra i 40 e i 120 litri per quintale di olive trattate.
Le acque di vegetazione sono costituite da una soluzione acquosa di sostanze organiche, in particolare di zuccheri, ma anche acidi organici, polialcoli, e minerali come potassio, fosforo, calcio. In base al sistema impiegato per produrre l’olio d’oliva si producono diversi volumi di olio e di acque di vegetazione, partendo dalla stessa quantità di olive utilizzate e i processi tradizionali di molitura generano la quantità di refluo più elevata.

Bioenutra, grazie al suo sistema brevettato, è in grado quindi di depurare le acque di vegetazione, estraendo i polifenoli per produrre farmaci, integratori e cosmetici, e allo stesso tempo, riutilizzare l’acqua depurata per l’irrigazione dei campi e le sostanze organiche estratte per produrre fertilizzanti da reimpiegare in agricoltura.


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di Circularity Srl – Società Benefit e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
gommatex spalmati
Akkadueo® Bio di Gommatex: il tessuto spalmabile ecosostenibile

Gommatex: la storica azienda di Prato ha messo a punto un nuovo tessuto spalmabile e amico dell'ambiente.

Leggi adesso arrow_right
DIOXYCLE, da CO2 a carburante

La società Dioxycle promette di recuperare la CO2 industriale, trasformandola in etanolo da essere utilizzato come combustibile sostenibile.

Leggi adesso arrow_right
Acquacoltura sostenibile. Il caso di Ittinsect

Ittinsect è una start-up tutta italiana che sta lavorando a degli innovativi mangimi per un'acquacoltura sostenibile a base di farina…

Leggi adesso arrow_right