News

Sottoprodotti, regime di favore solo se certezza riutilizzo

di Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Data 10/11/2020
Tipo Aggiornamento normativo

Lo ha precisato la Corte di Cassazione nella ordinanza 21 ottobre 2020, n. 29021 con cui ha confermato la condanna per gestione illecita di rifiuti ex articolo 256, Dlgs 152/2006 la titolare di una azienda dell’Emilia-Romagna per smaltimento non autorizzato di rifiuti speciali non pericolosi costituiti da fondi di colonna di distillazione — derivati dal processo di raffinazione della “glicerina grezza” — conferiti presso impianti biodigestori e di lavaggio cisterne senza rispettare le condizioni per qualificarli come “sottoprodotti” e quindi fuori dalla disciplina dei rifiuti.

La Cassazione ha evidenziato come la condotta contestata alla titolare dell’impresa non è quella di avere spacciato per sottoprodotto una sostanza che non era passibile di essere considerata tale, ma di non avere rispettato i requisiti dell’articolo 184-bis, Dlgs 152/2006, indispensabili per godere del regime di favore. In particolare si contesta il non aver gestito i fondi di colonna di distillazione garantendo la tracciabilità e l’uso legale degli stessi “nel corso dello stesso o di un successivo processo di produzione o di utilizzazione da parte del produttore o di terzi”. La mancanza della certezza oggettiva del riutilizzo, necessaria invece per escludere a monte l’intenzione di “disfarsi” dell’oggetto o della sostanza, rende applicabile
la normativa sui rifiuti e quindi le sanzioni per smaltimento illecito.

Documenti di riferimento:
Ordinanza Corte di Cassazione 21 ottobre 2020, n. 29021
Rifiuti – Sottoprodotto – Fondo di colonna di distillazione derivati dal processo di raffinazione della glicerina grezza – Applicabilità del regime di favore – Articolo 184-bis, Dlgs 152/2006 – Condizioni – Certezza oggettiva del riutilizzo dell’oggetto o sostanza – Necessità – Sussistenza – Garanzia della tracciabilità e dell’uso legale dell’oggetto nel corso dello stesso o successivo processo di produzione o utilizzazione – Necessità – Sussistenza – Mancanza delle condizioni – Applicabilità del regime dei rifiuti – Smaltimento non autorizzato – Articolo 256, comma 1, lettera a), Dlgs 152/2006 – Responsabilità penale – Sussistenza

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152
Norme in materia ambientale – Stralcio – Parte IV – Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

SPECIALE Codice Ambiente (Dlgs 152/2006)
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

SPECIALE Sottoprodotti, “Mps” & “End of waste”
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

Ti potrebbero interessare
rivista rifiuti
Rifiuti alimentari, Eurostat: 127Kg a testa nel 2020

Durante il primo anno pandemico, il 2020, nell'Unione europea sono stati prodotti 127 kg pro capite di rifiuti alimentari, con lo spreco "domestico", afferma Eurostat,…

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Rifiuti di imballaggio, aumenta la produzione ma anche riciclo

Aumenta in Ue, tra il 2009 e il 2020, il volume totale di rifiuti di imballaggio prodotti per abitante, con carta…

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Elettrosmog, "veto" comunale su radiocomunicazione è illegittimo

I Comuni non possono prescrivere "limiti" alla localizzazione degli impianti di radiocomunicazione che rendano di fatto impossibile una copertura soddisfacente dei servizi…

Leggi adesso arrow_right