News

Qualità dell’aria, lontani dagli obiettivi 2030

di Irene Manca

Data 01/12/2022
Tipo Aggiornamento normativo
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente

Anche gli ecosistemi subiscono i danni da inquinamento, con livelli dannosi di azoto rilevati nel 75% degli ambienti Ue, dati progressivamente in calo ma ancora lontani dagli obiettivi fissati per il 2030 verso “l’inquinamento zero”.

Lo ha chiarito l’Agenzia europea per l’ambiente (Aea) nel suo ultimo report sulla qualità dell’aria in Europa pubblicato il 24 novembre 2022. Nel rapporto l’Agenzia analizza gli impatti dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana e i danni rilevati per ecosistemi terrestri e acquatici, anche in termini di perdita di biodiversità. Dall’analisi emerge che dal 2005 al 2020 si è registrato un progressivo calo delle emissioni dei principali inquinanti, con una riduzione significativa delle emissioni di anidride solforosa del 79% e delle emissioni di particolato di circa il 30%, seguiti da metano (17%) e ammoniaca (8%). Con particolare riferimento agli impatti negativi su ecosistemi e biodiversità, causati principalmente da ozono, anidride solforosa e ammoniaca, i dati registrano dal 2005 una riduzione del 12% della quota di ecosistemi Ue interessati dall’inquinamento atmosferico, riduzione che dovrà attestarsi al 25% nel 2030 per raggiungere gli obiettivi fissati nell’ambito del Piano d’azione per la neutralità climatica.

Si ricorda sul punto che nell’ottobre 2022 la Commissione europea ha pubblicato una proposta di revisione delle direttive Ue sulla qualità dell’aria ambiente, prevedendo, tra gli altri, la riduzione di più della metà del valore limite annuo per il particolato fine (PM2,5), uno tra i principali inquinanti.

Link norme di riferimento

Proposta di direttiva sulla qualità dell’aria ambiente e per un’aria più pulita in Europa
Presentata dalla Commissione europea il 26 ottobre 2022 – Testo in inglese

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2008/50/Ce
Qualità dell’aria ambiente e per un aria più pulita in Europa

Direttiva Parlamento e Consiglio Ue 2004/107/Ce
Arsenico, cadmio, mercurio, nickel ed idrocarburi policiclici aromatici nell’aria ambiente

Dlgs 13 agosto 2010, n. 155
Qualità dell’aria ambiente – Attuazione direttiva 2008/50/Ce

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Rifiuti, preparazione per riutilizzo semplificata in dirittura d'arrivo

L'Italia ha notificato all'Ue la nuova versione dello schema di regolamento che semplifica l'esercizio delle operazioni di preparazione per il…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Spedizioni rifiuti, verso stop tra Paesi Ue per smaltimento

Il 17 gennaio 2023 il Parlamento Ue ha adottato la propria posizione negoziale in vista della discussione con Consiglio Ue…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Biometano da rifiuti, via alle regole applicative

Approvate con decreto direttoriale 13 gennaio 2023, n. 13 le regole applicative per gli incentivi per la produzione di biometano…

Leggi adesso arrow_right