News

Rifiuti alimentari, Eurostat: 127Kg a testa nel 2020

di Francesco Petrucci

Data 02/11/2022
Tipo Aggiornamento normativo
rivista rifiuti

Durante il primo anno pandemico, il 2020, nell’Unione europea sono stati prodotti 127 kg pro capite di rifiuti alimentari, con lo spreco “domestico”, afferma Eurostat, che spicca su quello dell’industria.

Secondo i dati dell’Istituto di statistica europeo lo spreco alimentare domestico (70 kg per abitante) rappresenta quasi il doppio degli sprechi alimentari derivanti dai settori della produzione primaria (14 kg/abitante) e della fabbricazione di prodotti alimentari e bevande (23 kg/abitante): si tratta di settori in cui esistono strategie per ridurre rifiuti alimentari, ad esempio con l’uso di parti di scarto come sottoprodotti. L’impatto dei ristoranti e dei servizi di ristorazione rappresenta il 12 kg di rifiuti alimentari pro capite, mentre solo 9 kg a persona arrivano dalla vendita al dettaglio e altre distribuzioni di cibo. Per questi ultimi settori però l’impatto dei lockdown derivanti dalla pandemia da Covid-19, sottolinea Eurostat, è ancora in fase di analisi.

Ricordiamo che la direttiva 2008/98/Ce come modificata dalla direttiva 2018/851/Ue (articolo 22) obbliga alla raccolta differenziata dei rifiuti organici entro il 31 dicembre 2023. Entro la stessa data la Commissione, esaminati i dati sui rifiuti alimentari valuterà la possibilità di proporre un target di riduzione di tali rifiuti (articolo 9, comma 6, direttiva 2008/98/Ce).

Maggiori informazioniil database Eurostat sui rifiuti

DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

Recepimento “Pacchetto economia circolare” Ue, le principali novità dei decreti nazionali

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2008/98/Ce

Direttiva relativa ai rifiuti – Abrogazione direttive 75/439/Cee, 91/689/Cee e 2006/12/C

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2018/851/Ue

Direttiva che modifica la direttiva 2008/98/Ce relativa ai rifiuti

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Norme in materia ambientale – Stralcio – Parte IV – Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Speciali

SPECIALE Economia Circolare e Pnrr

Una monografia dedicata alle norme unionali e nazionali in materia di economia circolare, quale modello economico nel quale i residui derivanti dalle attività di produzione e consumo sono reintegrati nel ciclo produttivo secondo una logica di piena rigenerazione delle risorse al fine di ridurre l’impatto umano sull’ambiente

Il mercato alimentare
Materia rinnovabile (41/2022) – Edizioni Ambiente

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riciclo plastica, novità in arrivo nel Ddl Bilancio 2023

Secondo quanto previsto dallo schema di Ddl di Bilancio 2023 al vaglio delle competenti Istituzioni, sono in arrivo incentivi per…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Qualità dell'aria, lontani dagli obiettivi 2030

Anche gli ecosistemi subiscono i danni da inquinamento, con livelli dannosi di azoto rilevati nel 75% degli ambienti Ue, dati…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Schema di regolamento Ue, tutti gli imballaggi riciclabili entro 2030

Un aggiornamento della normativa Ue sugli imballaggi nel segno del riciclo di qualità entro il 2030 è quello oggetto della…

Leggi adesso arrow_right