News

Rifiuti di plastica: problemi per clima e recupero rifiuti

di Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Data 01/02/2021
Tipo Aggiornamento normativo

Secondo il Rapporto “Plastics, the circular economy and Europe′s environment — A priority for action“, se è noto il problema dell’inquinamento dei mari dovuto alla dispersione dei rifiuti di plastica, non vanno trascurati altri effetti prodotti sull’ambiente dalla plastica.
Uno è l’effetto sul clima: se la produzione e l’uso della plastica continueranno ad aumentare, l’industria della plastica rappresenterà il 20% dell’uso globale di petrolio entro il 2050 (+7% rispetto a oggi). Le emissioni annuali legate alla produzione di plastica nell’Unione ammontano a circa 13,4 milioni di tonnellate di CO2 (il 20% delle emissioni dell’industria
chimica).

Un altro problema è dato dai cambiamenti nella produzione, consumo e spreco di plastica provocati dalla pandemia Covid-19. L’aumento dei rifiuti di plastica dovuto alla domanda di maschere e guanti, oltre a un cambiamento nella produzione e nell’uso di prodotti in plastica monouso come contenitori per alimenti da asporto e imballaggi in plastica per le vendite online, può mettere a repentaglio gli sforzi dell’Ue a breve termine per frenare l’inquinamento da plastica e passare a un sistema di plastica più sostenibile e circolare. Infine il tessile. I tessuti a base di plastica costituiscono circa il 60% dell’abbigliamento e il 70% dei tessuti per la casa, con problemi di raccolta e recupero e dispersione nell’ambiente delle microplastiche. Sulla questione specifica del tessile l’Agenzia ha diffuso sempre il 28 gennaio 2021 un Rapporto.
Tre i percorsi per il futuro sono indicati dall’Agenzia per un sistema della plastica più sostenibile e circolare: un uso più intelligente della plastica, una maggiore circolarità e l’uso di materie prime rinnovabili.
documenti di riferimento.

Documenti di riferimento:
Rapporto Agenzia europea dell’ambiente 28 gennaio 2021
Plastica, economia circolare e ambiente in Europa: una priorità per l’azione (Testo inglese)

La riduzione della plastica tra diritto Ue e norme italiane

SPECIALE Economia Circolare
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

Atlante mondiale della zuppa di plastica>
di Michiel Roscam Abbing – Un libro Edizioni Ambiente


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO ©
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 

Ti potrebbero interessare
Conai, riduzioni contributi acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro

Dal 1° luglio 2022 sono in vigore le nuove riduzioni del Contributo ambientale Conai per gli imballaggi in acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro.

Leggi adesso arrow_right
Pacchetto "Fit for 55", Parlamento Ue respinge proposta

L'8 giugno 2022 il Parlamento europeo ha respinto le proposte dei deputati della Commissione Ambiente sul pacchetto "Fit for 55",…

Leggi adesso arrow_right
Emissioni nei settori non Ets, via libera da Parlamento Ue

L'8 giugno 2022 il Parlamento europeo ha approvato la proposta di regolamento sulle riduzioni annuali vincolanti di emissioni di gas a effetto serra 2021-2030 nei settori…

Leggi adesso arrow_right