News

Agg. Norm. 1 Agosto 2019

di Redazione Rete Ambiente

Data 27/09/2019

Secondo i dati Eurostat si è assistito ad un rallentamento che ha allontanato dagli obiettivi Ue di efficienza energetica da raggiungere per il 2020. È invece cresciuta la consapevolezza con cui i cittadini europei utilizzano  nel privato l’energia, che ha portato a una diminuzione delle emissioni di gas serra per unità di energia consumata.

In materia di produzione di rifiuti i dati hanno rilevato un aumento nei Paesi europei, nonostante l’incremento di materiale riciclato e riutilizzato. Un risultato positivo è stato riscontrato, invece, nella diminuzione della quantità di sostanze chimiche pericolose immesse nell’ambiente rispetto agli anni precedenti. Lo studio ha infatti rilevato una diminuzione di concentrazioni di sostanze inquinanti nei fiumi (fosfato e ossigeno biochimico domanda) e nelle acque sotterranee (nitrati).

Per maggiori informazioni:

Sustainable development in the European Union — Monitoring report on progress towards the SDGs in an EU context — 2019 edition

Ti potrebbero interessare
Nell'epoca della transizione energetica, nel 2022 abbiamo consumato una tonnellata di carbone pro capite

Nell'epoca della transizione energetica, nel 2022 abbiamo consumato una tonnellata di carbone pro capite

Leggi adesso arrow_right
Intermediario: non è tale il gestore

Intermediario: non è tale il gestore

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Rifiuti, preparazione per riutilizzo semplificata in dirittura d'arrivo

L'Italia ha notificato all'Ue la nuova versione dello schema di regolamento che semplifica l'esercizio delle operazioni di preparazione per il…

Leggi adesso arrow_right