News

Agg. Norm. 2 Agosto 2019

Data 25/07/2019

Il Report annuale dell’Ispra/Snpa (Istituto superiore per la protezione ambientale/Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente) ha confermato l’aumento della produzione di rifiuti speciali che nel 2017 è stata pari quasi a 140 milioni di tonnellate. A crescere sono i rifiuti non pericolosi mentre quelli pericolosi segnano un +0,6%.

Il maggior contributo alla produzione complessiva arriva dal settore delle costruzioni e demolizioni, che con oltre 57 milioni di tonnellate, concorre al 41% del totale prodotto. Le attività di trattamento dei rifiuti e di risanamento ambientale rappresentano il 25,7% del totale mentre l’insieme delle attività manifatturiere il 21,5%. Per quanto riguarda la distribuzione geografica è il Nord che produce più rifiuti speciali, quasi 81 milioni di tonnellate (pari, in termini percentuali, al 58,3% del dato complessivo nazionale) con la Lombardia che produce il 22,2% del totale dei rifiuti speciali generati seguita dal Veneto e dall’Emilia-Romagna.

Per maggiori informazioni www.isprambiente.gov.it

Ti potrebbero interessare
Sostenibilità è anche una comunicazione che si pone in continuità tra passato e futuro

Sostenibilità è anche una comunicazione che si pone in continuità tra passato e futuro

Leggi adesso arrow_right
Discariche chiuse: no ai piani di emergenza interna se hanno seguito tutte le prescrizioni del Dlgs 36/2003

Discariche chiuse: no ai piani di emergenza interna se hanno seguito tutte le prescrizioni del Dlgs 36/2003

Leggi adesso arrow_right
Conai, riduzioni contributi acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro

Dal 1° luglio 2022 sono in vigore le nuove riduzioni del Contributo ambientale Conai per gli imballaggi in acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro.

Leggi adesso arrow_right