News

Aee, caricabatterie unico: ok definitivo UE

Data 02/11/2022
Tipo Aggiornamento normativo
rivista rifiuti

Con il via libera da parte del Consiglio Ue nel 2024 una porta usb-c diventa obbligatoria per un’intera gamma di dispositivi elettronici come telefoni cellulari, tablet e cuffie al fine di consentire l’uso di un unico caricabatterie.

Il 24 ottobre 2022 il Consiglio Ue ha dato la sua approvazione definitiva alla direttiva sui caricatori comuni che modifica la direttiva 2014/53/Ue. L’atto legislativo le cui regole inizieranno ad applicarsi 24 mesi dopo l’entrata in vigore (venti giorni dopo la sua pubblicazione sulla Guue), prevede l’obbligo di messa in commercio di un’unica tipologia di caricabatterie (dotato di presa usb-c), al fine di ridurre i rifiuti elettronici associati alla produzione, al trasporto e allo smaltimento dei caricabatterie. La direttiva per consentire ai consumatori scelte più sostenibili introduce un pittogramma che specifica se un nuovo dispositivo viene fornito con un caricabatterie e un’etichetta che indica le prestazioni di ricarica.

I consumatori avranno così la possibilità di scegliere se acquistare un nuovo dispositivo con o senza caricabatterie dato che i dispositivi potranno essere caricati utilizzando lo stesso caricabatterie.

Le nuove regole si applicheranno a cellulari, tablet ed e-reader, fotocamere digitali, console per videogiochi, cuffie, auricolari e altoparlanti portatili, mouse, tastiere wireless e  sistemi di navigazione portatili che dovranno essere dotati di apposita porta usb-c.  Entro la primavera del 2026 le nuove regole si estenderanno anche ai computer portatili.

Documenti di riferimento

Proposta di direttiva che modifica la direttiva 2014/53/Ue per introdurre un unico standard di caricabatteria dei dispositivi elettronici

Presentata dalla Commissione Ue il 23 settembre 2021 – Posizione del Consiglio Ue il 26 gennaio 2022 e del Parlamento Ue del 3 maggio 2022 – Accordo raggiunto tra le Istituzioni Ue il 7 giugno 2022 – Approvata dal Parlamento Ue il 4 ottobre 2022

Speciali

SPECIALE Economia Circolare e Pnrr

Una monografia dedicata alle norme unionali e nazionali in materia di economia circolare, quale modello economico nel quale i residui derivanti dalle attività di produzione e consumo sono reintegrati nel ciclo produttivo secondo una logica di piena rigenerazione delle risorse al fine di ridurre l’impatto umano sull’ambiente

Adempimenti rifiuti – Particolari tipologie di rifiuti – Raee
Lo strumento di Reteambiente che guida all’adempimento degli obblighi ambientali

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riciclo plastica, novità in arrivo nel Ddl Bilancio 2023

Secondo quanto previsto dallo schema di Ddl di Bilancio 2023 al vaglio delle competenti Istituzioni, sono in arrivo incentivi per…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Qualità dell'aria, lontani dagli obiettivi 2030

Anche gli ecosistemi subiscono i danni da inquinamento, con livelli dannosi di azoto rilevati nel 75% degli ambienti Ue, dati…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Schema di regolamento Ue, tutti gli imballaggi riciclabili entro 2030

Un aggiornamento della normativa Ue sugli imballaggi nel segno del riciclo di qualità entro il 2030 è quello oggetto della…

Leggi adesso arrow_right