Case history

Tekni-Plex Gallazzi

Obiettivo: Strategia di Carbon Neutrality

Manifatturiero

STRATEGIA DI CARBON NEUTRALITY

Tekni-Plex Gallazzi è un’azienda integrata a livello globale operante nello sviluppo e produzione di materiali di imballaggio innovativi, composti medici per alcuni dei nomi più noti nei mercati medico, farmaceutico, della cura personale, domestico e industriale, e alimentare e delle bevande.

Nel corso del 2021 il sito produttivo a Tradate, uno dei due in Italia, specializzato nella produzione di blister in PVC per il settore farmaceutico, ha deciso di intraprendere un percorso di Carbon Neutrality.

L’analisi che Tekni-Plex ha deciso di svolgere non era improntata solamente nell’identificazione delle emissioni più recenti, ma anche di quelle storiche per dare evidenza di come azioni di efficientamento già intraprese negli ultimi anni avessero avuto un impatto ambientale oltre che un importante risparmio economico.

L’azienda si è rivolta a Circularity per un’analisi e valutazione delle emissioni di gas ad effetto serra e conseguente misurazione impatto ambientale al fine di impostare una strategia di neutralizzazione della propria impronta carbonica (Carbon Management Plan). 

L’obiettivo primario di una strategia di Carbon Neutrality è la misurazione delle emissioni di gas serra imputabili alle attività controllate dall’impresa.  

MISURAZIONE DELLE EMISSIONI

Il primo passo affrontato verso la neutralità è stato il calcolo dell’impronta carbonica aziendale.

Circularity ha effettuato uno studio tipo LCA (Life Cycle Assessment) di azienda applicando le logiche del “GHG protocol”.

Sono state calcolate per prime le emissioni dirette (Scope 1) dei cicli produttivi caratteristici dell’azienda derivanti dall’utilizzo di carburanti, come il gas metano; successivamente il calcolo si è concentrato sulle emissioni indirette derivanti dall’acquisto di energia elettrica (Scope 2) ed infine su tutte quelle emissioni indirette e non legate all’acquisto di energia elettrica ma che dipendono da policy aziendali e scelte strategiche che hanno un impatto importante anche dal lato ambientale (Scope 3).   

In seguito all’analisi delle emissioni di gas serra, è stato possibile definire il profilo emissivo aziendale nell’arco temporale 2019-2020, punto di partenza per l’implementazione di un piano di riduzione e compensazione carbonica nel breve periodo con risultati effettivi entro la fine del 2021. 

RIDUZIONE E COMPENSAZIONE

Circularity ha definito un piano di riduzione, prima, e di compensazione poi, delle emissioni ancora a carico del suo cliente.
Le aziende ricoprono un ruolo primario quando affrontano un percorso di neutralità come questo, riducendo prima tutto ciò che è possibile internamente e, solo in seguito, compensando le emissioni residue investendo in progetti che prevedono la riduzione di emissioni.
Sono state presentate proposte di riduzione quali interventi di efficientamento, acquisto di energia verde, gestione consapevole dei propri rifiuti e altro ancora.  

Il lavoro di Circularity si è concluso con la presentazione di un documento nella quale vengono raccontati passo per passo tutte le azioni svolte nel calcolo delle emissioni e nel piano di azzeramento. L’ultimo passo spetta al cliente che, finalmente consapevole del suo reale impatto carbonico e delle azioni percorribili per abbatterlo, intraprende il suo percorso personale alla fine del quale otterrà il Certificato di Neutralità di Circularity, garanzia che nell’anno rendicontato Tekni-Plex Gallazzi ha avuto un’impronta carbonica nulla. 

La necessità di decarbonizzare l’economia globale è uno dei temi prioritari del “Global Warming of 1.5°C”, il report speciale dell’IPCC sugli impatti del riscaldamento globale e i relativi scenari di emissione dei gas serra.  

La Carbon Neutrality è una strategia di gestione dei rischi e riduzione delle vulnerabilità ambientali dell’ecosistema con il quale un’azienda interagisce, sia a livello locale sia a livello globale. Il vantaggio di un’analisi di Carbon Neutrality si basa sull’assunto che tutto ciò che viene misurato può essere gestito e ottimizzato.  

La contabilizzazione delle emissioni dei gas serra è infatti un passaggio necessario per identificare le opportunità di riduzione più efficaci orientate ad un consumo ottimizzato delle risorse, a un incremento dell’efficienza energetica e ad una potenziale riduzione dei costi.  

In tal modo le aziende hanno la possibilità di differenziarsi ed emergere in un mercato sempre più attento alla sostenibilità e alla responsabilità ambientale. 

Ti potrebbero interessare