News

Caso studio Ottobre 2019

di Materia Rinnovabile n. 28

Data 25/09/2019

Mesi di ricerche nelle fabbriche tessili in Cina e Bangladesh hanno evidenziato alla startup estone una costante realtà: il volume degli avanzi di produzione è sistematicamente sottostimato e sottovalutato. Nonostante le ottimizzazioni dei processi e i metodi di “produzione lean” (ndr, una filosofia produttiva che punta a minimizzare gli sprechi), oltre il 25% delle risorse (con picchi che arrivano fino al 47%) esce dalla catena di approvvigionamento, vale a dire 6 milioni di tonnellate di scarti ogni anno e un potenziale mercato di 15 miliardi di dollari. Di gran parte di queste risorse si perde traccia, finendo incenerite o abbandonate in discarica.

Il software di Reverse Resources, disponibile a partire dall’autunno 2019, mira a una migliore circolazione dei materiali e a integrare nel processo di produzione oltre il 20% degli scarti: attraverso uno schema di tariffazione alternativo, possono diventare un introito aggiuntivo per i produttori e un incentivo a rendere i propri dati disponibili a livello digitale. Una volta mappati, i tessuti possano essere rintracciati nei loro successivi cicli di vita. 

La startup chiama in causa i diversi stakeholder del settore tessile: le fabbriche, da un lato, sono chiamate a fornire soluzioni di rigenerazione e riutilizzo degli scarti tessili recuperati, mentre gli acquirenti, i marchi del commercio al dettaglio, dall’altro, possono incentivare tale innovazione e il recupero dei materiali.

“Credo che lo scambio di dati online, sicuro e in tempo reale, sia la chiave per un cambiamento sistemico nel settore dell’abbigliamento verso la sostenibilità”, sostiene Ann Runnel, amministratore delegato e fondatore di Reverse Resources. 

https://reverse resources.net


DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO 

© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di Edizioni Ambiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 

Ti potrebbero interessare
circularity e aworld
Circularity e AWorld insieme per promuovere azioni concrete per la sostenibilità

Come Società Benefit, Circularity e AWorld uniscono le forze per promuovere la sostenibilità e supportare le imprese e i loro…

Leggi adesso arrow_right
Nove miliardi di posti a tavola

Nutrire la popolazione mondiale è sempre più difficile. Anche perché cresce ogni anno di 80 milioni di individui. L’agricoltura globale…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riparazione, diritto dei consumatori al rush finale

Con il via libera definitivo del Consiglio Ue del 30 maggio 2024 che arriva dopo quello del Parlamento, si è…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Veicoli fuori uso, chiarimenti su nuovo registro unico telematico

Il Ministero delle Infrastrutture ha diramato istruzioni operative per l'utilizzo del Registro unico telematico dei veicoli fuori uso (Rvfu) obbligatorio…

Leggi adesso arrow_right