News

Conai, riduzioni contributi acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro

di Francesco Petrucci

Data 14/06/2022
Tipo Aggiornamento normativo
rivista rifiuti

Dal 1° luglio 2022 sono in vigore le nuove riduzioni del Contributo ambientale Conai per gli imballaggi in acciaioalluminiocarta, plastica e vetro.

A deciderlo il Consiglio di amministrazione del Consorzio nazionale imballaggi valutati i pareri dei Consorzi Ricrea (acciaio), Cial (alluminio), Comieco (carta e cartone), Corepla (plastica) e Coreve (vetro). I nuovi contributi ambientali scendono da 12 a 8 euro/tonnellata per l’acciaioda 10 a 7 euro/tonnellata per l’alluminio, da 10 a 5 euro/tonnellata per la carta (fascia 1 base), da 33 a 29 euro/tonnellata per il vetro. Non cambiano i valori degli extra del Contributo ambientale da applicare agli imballaggi poliaccoppiati a base carta idonei al contenimento di liquidi.

Per quanto riguarda la plastica per la fascia A1 il contributo ambientale scende da 104 a 60 euro/tonnellata. Il Contributo per la fascia A2 non sale come previsto dal 1° luglio 2022 ma rimane a 150 euro/tonnellata. Per la fascia B1 il Contributo scende da 149 a 20 euro/tonnellata. Nella fascia B1 (meno onerosa) ora entrano tutti i tappi tethered progettati per restare legati ai loro contenitori per bevande. Per la fascia B2 il Contributo scende da 520 a 410 euro/tonnellata mentre per gli imballaggi in fascia C (i più onerosi) si passa da 642 a 560 euro/tonnellata.

Infine una novità da gennaio 2023: prevista una ulteriore segmentazione delle fasce di Contributo ambientale per gli imballaggi in plastica che passeranno a 9. Questo per ancorare gli importi del contributo ambientale sia all’effettiva riciclabilità e al circuito di destinazione sia al deficit di catena, ossia al rapporto fra costi e ricavi delle attività di raccolta, selezione e riciclo.

Documenti di riferimento

Gli imballaggi nel Codice ambientale, disposizioni di riferimento

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152
Norme in materia ambientale – Stralcio – Parte IV – Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Adempimenti Rifiuti – Particolari tipologie di rifiuti – Imballaggi
Lo strumento di “Reteambiente – Osservatorio di normativa ambientale” che guida all’adempimento degli obblighi

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riciclo plastica, novità in arrivo nel Ddl Bilancio 2023

Secondo quanto previsto dallo schema di Ddl di Bilancio 2023 al vaglio delle competenti Istituzioni, sono in arrivo incentivi per…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Qualità dell'aria, lontani dagli obiettivi 2030

Anche gli ecosistemi subiscono i danni da inquinamento, con livelli dannosi di azoto rilevati nel 75% degli ambienti Ue, dati…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Schema di regolamento Ue, tutti gli imballaggi riciclabili entro 2030

Un aggiornamento della normativa Ue sugli imballaggi nel segno del riciclo di qualità entro il 2030 è quello oggetto della…

Leggi adesso arrow_right