News

Piano nazionale ripresa su riduzione rifiuti

di Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Data 07/05/2021
Tipo Aggiornamento normativo

Il dispositivo per la ripresa e resilienza (regolamento 2021/241/Ue) ha stanziato le risorse e regolato le condizioni con cui gli Stati membri possono accedere ai fondi europei del Next Generation Eu (anche noto come “Recovery fund”). Gli investimenti e i progetti saranno finanziati a condizione che gli Stati presentino entro il 30 aprile 2021 il loro Piano nazionale di ripresa e resilienza che indichi le azioni che verranno messe in pratica, gli obiettivi, le risorse con cui farvi fronte e il le tempistiche. Le risorse del Piano sono pari a 235,14 miliardi di euro, di cui 191,5 miliardi sono le risorse europee del Next Generation Eu.

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza — che va inviato alla Ue entro il 30 aprile 2021 — è stato licenziato in via definitiva dal Governo il 29 aprile 2021 dopo l’ok del Parlamento del 27 aprile 2021. Tra le misure del Piano la Missione 2 “Rivoluzione verde e transizione ecologica” nella quale trovano posto lo sviluppodi impianti di trattamento/riciclaggio di rifiuti organici, multi-materiale, vetro, imballaggi in carta e di impianti innovativi per particolari flussi. Ambiziosi gli obiettivi: 55% di riciclo di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee); 85% di riciclo nell’industria della carta e del cartone; 65% di riciclo dei rifiuti plastici (attraverso riciclaggio meccanico, chimico, “Plastic Hubs”); 100% recupero nel settore tessile tramite “Textile Hubs”.


Documenti di riferimento:
Piano nazionale di ripresa e resilienza
Approvato dal Governo – Approvazione di Camera e Senato il 27 aprile 2021 – Via libera dal Governo il 29 aprile 2021 –
Ricevuto dalla Commissione Ue il 1° maggio 2021

“Green Deal europeo”, cosa prevede il piano comunitario per il clima

Regolamento Parlamento europeo e Consiglio Ue 2021/241/Ue
Istituzione del Dispositivo per la ripresa e la resilienza – Recovery Fund – Next Generation Eu – Finanziamento dei progetti degli Stati membri per la transizione verde e digitale

SPECIALE Economia Circolare
A cura di Vincenzo Dragani e della Redazione Reteambiente

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Riciclo plastica, novità in arrivo nel Ddl Bilancio 2023

Secondo quanto previsto dallo schema di Ddl di Bilancio 2023 al vaglio delle competenti Istituzioni, sono in arrivo incentivi per…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Qualità dell'aria, lontani dagli obiettivi 2030

Anche gli ecosistemi subiscono i danni da inquinamento, con livelli dannosi di azoto rilevati nel 75% degli ambienti Ue, dati…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Schema di regolamento Ue, tutti gli imballaggi riciclabili entro 2030

Un aggiornamento della normativa Ue sugli imballaggi nel segno del riciclo di qualità entro il 2030 è quello oggetto della…

Leggi adesso arrow_right