News

Recepimento direttiva rifiuti, 17 Stati Ue in ritardo

di Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Data 21/06/2021
Tipo Aggiornamento normativo

La direttiva recepimento direttiva rifiuti 2018/851/Ue (del “pacchetto economia circolare”) ha modificato la storica direttiva del 2008 ed è stata recepita dall’Italia col Dlgs 116/2020 che ha modificato il Dlgs 152/2006. La direttiva stabilisce, tra le altre cose, requisiti minimi di funzionamento per i regimi di responsabilità estesa del produttore e rafforza le norme in materia di prevenzione dei rifiuti.
Il termine per il recepimento è scaduto il 5 luglio 2020 e secondo quanto comunicato dalla Commissione il 9 giugno 2021, 17 Stati membri mancano all’appello: Austria, Belgio, Cechia, Estonia, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Croazia, Lituania, Lussemburgo, Lettonia, Malta, Polonia, Romania, Slovenia e Slovacchia.
Dopo il primo “warning” a ottobre 2020, ecco arrivare il secondo avviso (parere motivato). I Paesi in questione dispongono di 2 mesi per rispondere e adottare le misure necessarie, trascorsi i quali la Commissione potrà deferire i casi alla Corte di Giustizia dell’Unione europea.

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Greenwashing, Ue verso disciplina dichiarazioni ambientali

Dall'Ue una proposta di direttiva sulle norme comuni che le imprese dovranno rispettare nelle proprie autodichiarazioni ambientali, al fine di…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Appalti pubblici, ok definitivo al nuovo Codice

Licenziato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri lo schema di Dlgs recante il nuovo Codice appalti, meno spazio per…

Leggi adesso arrow_right
Osservatprio Normativa Ambientale - ReteAmbiente
Interessi (anche ambientali) dei consumatori, nuove "class action" dal 25/6/2023

Le nuove azioni rappresentative a tutela degli interessi collettivi dei...

Leggi adesso arrow_right