News

Recupero rifiuti differenziata, in pista prassi Uni

di Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Data 10/09/2021
Tipo Aggiornamento normativo

La futura prassi di riferimento dell’Ente italiano di normazione ha lo scopo di attestare il
recupero dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata, tracciando i flussi della
gestione dei rifiuti urbani, dal conferimento delle utenze (privati e aziende) fino agli impianti
di trattamento, arrivando al riciclo, al recupero energetico o allo smaltimento, con l’obiettivo di
avviare un processo più complesso che permetta di strutturare una certificazione di parte
terza dei dati.
Il documento, una volta approvato, si propone come riferimento per la verifica dei dati fini
della rendicontazione degli obiettivi in materia fissati dall’Unione europea e recepiti dal Dlgs
152/2006 a beneficio dell’intera filiera (produttori di rifiuti, gestori del ciclo, impianti di
trattamento, Consorzi ed Enti di controllo). I lavori partiranno l’8 settembre. Le prassi di
riferimento sono documenti Uni che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi
settoriali di norme tecniche, quando non ci sono norme né progetti di norma nazionali, europei
o internazionali. Restano valide 5 anni dall’approvazione dopodiché diventano norme Uni o
sono ritirate.


Documenti di riferimento:
Recepimento “Pacchetto economia circolare” Ue, le principali novità dei decreti nazionali

Dlgs 3 aprile 2006, n. 152
Norme in materia ambientale – Stralcio – Parte IV – Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo.

Ti potrebbero interessare
Lombardia, Regione finanzia Comuni su discariche abusive

La Regione Lombardia finanzierà i progetti dei Comuni intervenuti in via sostitutiva al posto del soggetto inadempiente condannato per il reato di discarica abusiva.

Leggi adesso arrow_right
Ricerca e sviluppo "circolari", dal 17/11/2022 via alle domande

Al via dal 17 novembre 2022 le domande per progetti di ricerca e sviluppo "low carbon" e di riduzione della plastica secondo le regole fissate dal decreto 23…

Leggi adesso arrow_right
Appalto manutenzione verde, no a iscrizione Albo gestori ambientali

È legittimo il bando di gara per l'affidamento della manutenzione del verde non prevede come requisito di partecipazione l'iscrizione all'Albo gestori ambientali.

Leggi adesso arrow_right