News

Rifiuti sanitari: Dl conferma al momento sotto regime urbani

di Francesco Petrucci, ReteAmbiente

Data 09/06/2020
Tipo Aggiornamento normativo

L’articolo 30-bis del Dl 23/2020 introdotto dal Ddl di conversione – in attesa di pubblicazione in Gazzetta ufficiale — estende il regime giuridico dei rifiuti urbani ai rifiuti sanitari nelle strutture sanitarie. L’estensione dura fino a 30 giorni dopo la dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza sanitaria, e riguarda i rifiuti sanitari a solo rischio infettivo assoggettati a procedimento di sterilizzazione effettuato secondo le previsioni del Dpr 254/2003, presso le strutture sanitarie pubbliche e private.

Rivisti gli obiettivi di gestione dei quantitativi di pneumatici fuori uso su base annuale, fissati ai sensi dell’articolo 228, comma 1, del Dlgs 152/2006. L’articolo 29-bis inserito nel Dl 23/2020 dal Ddl di conversione prevede il rispetto dei protocolli aziendali Covid-19 tra li obblighi del datore di lavoro di adottare tutte le misure a protezione dei lavoratori ai sensi dell’articolo 2087, Codice civile. Confermati il credito d’imposta per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale (articolo 30) e le modalità semplificate di assolvimento degli obblighi di protezione dei lavoratori da radiazioni ionizzanti ex Dlgs 230/1995 (articolo 39, Dl 23/2020).

Documenti di riferimento:
Dlgs 3 aprile 2006, n. 152
Norme in materia ambientale – Stralcio – Parte IV – Gestione dei rifiuti, imballaggi e bonifica dei siti inquinati

Dpr 15 luglio 2003, n. 254
Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari

Dlgs 17 marzo 1995, n. 230
Protezione dalle radiazioni ionizzanti

Dl 8 aprile 2020, n. 23
Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali (“Decreto liquidità”) – Stralcio – “Golden power” nei settori energia e acqua, estensione validità autorizzazioni e certificazioni ambientali, incentivi per l’acquisto di DPI a tutela dei lavoratori

Emergenza Coronavirus, le disposizioni per ambiente e sicurezza



DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE ED INDUSTRIALE – LIMITAZIONE D’USO
© Copyright riservato – Riproduzione vietata – La presente News ed i relativi contenuti editoriali veicolati sono oggetto di proprietà intellettuale ed industriale di ReteAmbiente Srl, Milano e come tali protetti. È consentito esclusivamente l’utilizzo personale e privato, dunque non commerciale. Sono vietate la riproduzione, la distribuzione con ogni mezzo (anche telematico), la pubblicazione e la cessione a terzi a qualsiasi titolo. 

Ti potrebbero interessare
rivista rifiuti
Rifiuti alimentari, Eurostat: 127Kg a testa nel 2020

Durante il primo anno pandemico, il 2020, nell'Unione europea sono stati prodotti 127 kg pro capite di rifiuti alimentari, con lo spreco "domestico", afferma Eurostat,…

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Rifiuti di imballaggio, aumenta la produzione ma anche riciclo

Aumenta in Ue, tra il 2009 e il 2020, il volume totale di rifiuti di imballaggio prodotti per abitante, con carta…

Leggi adesso arrow_right
rivista rifiuti
Elettrosmog, "veto" comunale su radiocomunicazione è illegittimo

I Comuni non possono prescrivere "limiti" alla localizzazione degli impianti di radiocomunicazione che rendano di fatto impossibile una copertura soddisfacente dei servizi…

Leggi adesso arrow_right